Bufera Roma: quale mercato per i giallorossi?




In questo momento, per quanto riguarda il panorama calcistico nostrano, gli occhi dei tifosi sono divisi principalmente su due diversi fattori: il primo è il campionato europeo che, proprio ieri sera, è iniziato in Francia. Augurandoci che l’ Italia possa essere in grado di sovvertire gli infausti pronostici, che la vedono al momento come forte sfavorita rispetto alle più quotate Germania,  Spagna, Francia e Belgio, è interessante notare come il mercato, seppur la sessione estiva non sia ancora ufficialmente iniziata, sia già agitatissimo. La Juventus, in particolare, sta ergendosi come una delle protagoniste principali, grazie a numerose trattative come quella di Dani Alves e Pjanic. A differenza, invece, della Roma, che sta finendo nella bufera causata dal malumore dei suoi tifosi.

Roma calciomercatoLa Roma, infatti, che durante la scorsa estate fece degli importanti investimenti per competere con la Vecchia Signora nella speranza di migliorare i due secondi posti delle precedenti stagioni, ha finito persino per peggiorare quei risultati, arrivando, nel campionato appena finito, alle spalle della stessa Juve e del Napoli. Con un preliminare di Champions League da giocare, dunque, la Roma ha anche un ulteriore problema cui far fronte, quello del fair play finanziario, che presumibilmente la costringerà a dire addio ad alcuni suoi elementi.

Il centrocampo, in particolare, è un rebus: il veterano Keyta sta dando l’addio al club giallorosso proprio in queste ore, mentre Miralem Pjanic, come largamente anticipato, è ormai ad un passo dalla Juventus. Ma la necessità di monetizzare sta facendo sempre più concretizzare anche un’altra trattativa, quella che porterebbe Radja Nainggolan, mediano amatissimo dai tifosi, al Chelsea di Conte.

Insomma, un mercato al momento fortemente votato all’uscita, mentre per quello in entrata permangono numerosi dubbi, che probabilmente verranno chiariti solamente a partire dal prossimo mese di luglio, con l’ Europeo già concluso e con le preoccupazioni del fair play lasciate alle spalle.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi