L’epilogo annunciato di Montella, Milan affidato a Gattuso

Vincenzo Montella Milan




Come un moderno Ulisse alle prese con tempeste e intemperie, alla fine, Vincenzo Montella è stato costretto alla resa, e ad ammainare le vele di un Milan che non è mai riuscito ad avere il vento in poppa. Il tecnico, dopo l’ennesima prestazione deludente, e con una situazione di classifica che piange (al netto di quelle che, invece, erano le aspettative iniziali, soprattutto dopo l’onerosa campagna di calciomercato), è stato dunque esonerato dalla società. E la panchina, nel mentre, è stata affidata a Gennaro Gattuso, già allenatore della primavera rossonera.

Un epilogo in qualche modo annunciato, quello di Montella, che nelle ultime settimane era finito sempre più su una graticola dalla quale smuoversi sarebbe stata un’impresa praticamente impossibile. D’altro canto, di per sé, i numeri sono già parecchio esplicativi: appena 6 vittorie su 14 gare di campionato, con altrettante sconfitte e 2 pareggi. Una difesa che fa acqua (ben 18 marcature incassate), ma soprattutto un attacco poco prolifico (appena 19 i gol all’attivo), e i 20 punti in classifica che rendono il treno europeo praticamente irraggiungibile.

Ma, soprattutto, un amalgama mai raggiunta, un’intesa che di fatto non c’è mai stata tra tutte le parti: da Montella, all’organico, alla società stessa, l’impressione è che i vari tasselli non abbiano mai trovato la giusta collocazione all’interno del mosaico rossonero. E così, adesso, il Milan si ritrova nelle mani di Gattuso: una personalità caratterizzata da grande determinazione, che ha ben incarnato lo spirito vincente del club nella sua militanza come giocatore. Ma che, con un morale sotto i tacchi, una compagine male assortita, e un indecifrabile canovaccio tattico, dovrà realizzare una sorta di miracolo per riportare in paradiso l’altra metà di Milano.

Vincenzo Montella lascia dunque il club rossonero dopo 64 panchine, suddivise in 32 vittorie, 14 pareggi e 18 sconfitte. Ma anche con un titolo conquistato: la Supercoppa Italiana nel 2016, ai danni della Juventus.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi