Euro 2020, Italia bene ma ora serve la continuità

Roberto Mancini Italia




È cominciato bene il cammino dell’ Italia sulla lunga strada che porta a Euro 2020. Gli Azzurri, dopo aver clamorosamente mancato l’approdo ai mondiali di Russia 2018, hanno cambiato corso e adesso, grazie alla guida di Roberto Mancini, auspicano di tornare grandi protagonisti sul palcoscenico internazionale. A cominciare, per l’appunto, da queste gare di qualificazione verso la competizione europea che sarà disputata presso varie città del Vecchio Continente, con un debutto estremamente positivo contro la Finlandia.

La compagine scandinava, pur essendo piuttosto povera e modesta da un punto di vista squisitamente tecnico, è stato un banco di prova comunque interessante per l’ Italia di Mancini: il commissario tecnico, dopo aver salutato diverse vecchie glorie, ha plasmato una squadra fondata soprattutto sulle nuove leve e sui giovani. A pochi veterani irrinunciabili, come Bonucci e capitan Chiellini, sono così stati affiancati alcuni dei più rampanti virgulti del nostro calcio. E due di essi, esordienti o poco più, proprio contro la Finlandia hanno ben figurato, andando a segno e spalancando le porte ad un futuro, oltre che ad un presente, che adesso appare molto più roseo: Barella e Kean, due prospetti interessantissimi.

Ma Roberto Mancini può contare anche su altri elementi volenterosi e a caccia di una consacrazione: a partire da Federico Bernardeschi, che, in questa stagione, con la casacca della Juventus, ha scalato le gerarchie elevandosi come uno dei più forti e completi giocatori azzurri. E se la difesa, grazie ai due vecchi leoni bianconeri, è ancora blindata, segnali incoraggianti giungono anche dalla mediana: Jorginho e Verratti sono ormai due centrocampisti di livello internazionale, mentre Zaniolo e Barella, probabilmente, lo saranno tra qualche anno.

Il tutto, in attesa che anche l’attacco possa ritrovare i vari infortunati che fin qui hanno falcidiato il reparto avanzato dell’ Italia: come Insigne, Chiesa ed El Shaarawy, che certamente possono dare molto con la casacca azzurra. Servirà ancora tempo, certo. Ma per ora le indicazioni sono buone.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi