Italia di rigore, si riparte col pari inglese

Di Biagio Italia




Si è conclusa in maniera tutto sommato positiva la sfida amichevole che ha visto la nostra Italia contrapposta ai padroni di casa dell’ Inghilterra, in quel del leggendario Wembley. Un pareggio che, se certamente non ci permette di fare i salti di gioia, d’altro canto ci fa almeno tirare un piccolo sospiro di sollievo, immaginando un futuro un po’ meno apocalittico di quello che il contesto attuale vorrebbe suggerirci.

La gara non è spettacolare né da una parte né dall’altra, e gli errori tecnici si sprecano. Eppure, negli occhi degli Azzurri brilla perlomeno una scintilla di vita, un barlume che riaccende il flebile braciere della speranza. Anche quando il gol di Wardy, giunto come un fulmine a ciel sereno al 26° minuto, pare volerlo spegnere definitivamente.

L’ Italia non brilla, dicevamo, ma riesce comunque ad essere più positiva e propositiva rispetto alla macchia opaca che si era vista qualche giorno fa contro l’ Argentina. E così, tolto un impalpabile Candreva all’inizio del secondo tempo, il giovane Chiesa restituisce determinazione e rivitalizza una fase offensiva confusionaria e spaesata.

Se, in questo senso, è Lorenzo Insigne a trasformare in gioia il rigore concesso all’86° minuto dal signor Aytekin al termine di una lunga consultazione al VAR, buona metà del merito del gol è da attribuire proprio al giocatore della Fiorentina, abile a guadagnarsi il penalty. Il pareggio finale è il risultato più giusto per quanto visto in campo, benché inevitabilmente venga percepito in modo diverso dalle due squadre.

Per l’ Italia, che certamente non si può illudere, rappresenta il punto dal quale bisognerà ricostruire, dopo la clamorosa esclusione da Russia 2018. Per l’ Inghilterra, già rimaneggiata e di certo non nel miglior momento della sua storia, si tratta di un segnale poco incoraggiante in vista della manifestazione iridata che si terrà nel prossimo mese di giugno. A ciascuno il suo, insomma.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi