John Terry si congeda dal Chelsea, via a fine stagione

È un calcio decisamente cinico e disilluso, quello che stiamo vivendo nel corso di questi ultimi anni. Con la stagione ormai pronta a vivere le proprie battute finali, ed una Champions League che appare sempre più incerta, mestamente alcuni “verdetti” sono già resi noti: e, con essi, ecco che giunge anche l’addio di John Terry al Chelsea.

John TerryJohn Terry, senza ombra di dubbio, è una delle poche bandiere rimaste nel mondo del calcio. Capitano del Chelsea, che ha praticamente rappresentato per tutta la propria lunghissima carriera, il centrale inglese è anche il giocatore più vincente della storia del club: con la casacca dei blues, infatti, Terry ha collezionato ben 14 trofei, tra i quali spicca, manco a dirlo, la Champions League conseguita nel 2013.

Praticamente inamovibile fino a un paio di stagioni fa, quando il Chelsea vinse la Premier League, Terry nel frattempo è scivolato ai margini del progetto della squadra britannica. Dall’alto della propria esperienza e del proprio talento, infatti, il forte difensore non ha potuto sconfiggere l’avversario più arduo, il tempo: a dicembre Terry spegnerà ben 37 candeline, e Antonio Conte, che nel frattempo si è seduto sulla panchina del Chelsea, ha dimostrato di essere pronto a fare a meno di lui.

Non a caso in questa stagione, che i blues stanno indirizzando a proprio favore con una probabile vittoria della Premier League, Terry ha trovato un minutaggio ridottissimo: appena cinque presenze, tra le quali l’ultima da titolare lo scorso 11 settembre. Da allora, nel campionato inglese, il centrale è stato impiegato soltanto contro l’Everton per una manciata di minuti, poi il nulla.

Una resa a dir poco inaccettabile per un campione come Terry, ultima bandiera di un Chelsea che, nelle ultimissime stagioni, ha già salutato Cech, Lampard e Drogba. Ossia, le colonne portanti della porta, del reparto di centrocampo e di quello offensivo. L’ultimo osso dello scheletro, adesso, è pronto a dire addio: e lo stesso club inglese ha ufficializzato la cosa sui propri profili ufficiali.

Stessa cosa ha fatto Terry, che ha tenuto a ringraziare tutti per una carriera che, salvo una breve parentesi presso il Nottingham Forest, dura ormai da ben 22 anni. Il difensore, però, ha specificato che non chiuderà anche con il calcio: per lui, si aprono adesso le porte del campionato statunitense.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi