Juventus, è ormai fatta per Witsel a gennaio?




Questa prima parte di stagione ha palesato alcuni problemi non da poco, per la nuova Juventus che sta nascendo. E, in qualche modo, la Supercoppa Italiana persa contro il Milan, ha confermato un trend negativo per quanto concerne il bel gioco. Per quanto sia vero che la Vecchia Signora, in effetti, sia ancora prima in campionato (con un discreto margine di vantaggio sulla Roma seconda), e sia già qualificata agli ottavi di finale di Champions League, è altrettanto palpabile la fatica che i bianconeri hanno dovuto fare per superare svariate sfide, a fronte di un bagaglio tecnico e qualitativo che invece dovrebbe facilitare enormemente la vita ai piemontesi. Il reparto che più sta soffrendo, sicuramente, è il centrocampo: ed uno dei possibili rinforzi per l’immediato futuro parla belga, con Witsel.

Witsel JuventusAxel Witsel è stato accostato già da parecchio tempo alla Juventus, allorché il suo contratto con lo Zenit San Pietroburgo, che al momento ne detiene ancora il cartellino, va in scadenza a giugno del 2017. Già durante la scorsa estate, sembrava che il passaggio di Witsel alla corte di Madama fosse praticamente fatto: poi tutto saltò, presumibilmente perché il club russo non aveva intenzione di privarsi di una pedina così importante in quel momento.

Nel corso degli ultimi giorni, le voci di un possibile approdo di Witsel alla Juventus già nel mese di gennaio si fanno sempre più forti, e in effetti pare che lo Zenit sia disposto ad accettare un’offerta di 6 o 7 milioni di euro per privarsi del centrocampista belga. Le alternative sono molteplici, e in qualche modo si intersecano anche con altre necessità, in quanto nel mese di gennaio, causa Coppa d’Africa, la Vecchia Signora perderà anche Lemina e Asamoah.

Da N’Zonzi a Tolisso, passando poi per Baselli del Torino (la novità delle ultime ore), fino ad arrivare a Moussa Sissoko, che al Tottenham non si è decisamente ambientato. Le occasioni sono molte: quali sceglierà di cogliere Beppe Marotta?




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi