La Juventus piega il Chievo, bianconeri di nuovo a +9

Juventus




Nel campionato senza storia, la Juventus scrive un nuovo capitolo della propria inarrestabile marcia, inanellando il diciottesimo successo sulle venti gare disputate fino a questo momento. L’ultima vittima è stata anche la prima di questo campionato, quel Chievo Verona fanalino di coda della Serie A: un avversario certamente poco probante per la sfida di esordio del girone di ritorno, ma che ha comunque proposto una Juve decisamente più energica e tonica rispetto a quella vista nelle ultime uscite, specialmente dopo la scialba partita condotta contro il Milan in quel di Gedda.

Una Juventus camaleontica, già a partire dal modulo, stravolto se si prendono in considerazione le previsioni iniziali. Massimiliano Allegri, per una sera, accantona il 4-3-3, e, pur privo degli infortunati Cuadrado e Mandzukic, schiera tutti gli attaccanti disponibili: Dybala e Cristiano Ronaldo compongono il tandem offensivo, agevolati sugli esterni da Bernardeschi e Douglas Costa. Un 4-4-2 che assomiglia molto ad un 4-2-3-1, o persino ad un 4-2-4 quando la Vecchia Signora si ritrova, ed è accaduto molto spesso in serata, dalle parti di Sorrentino.

E nonostante la serataccia di Cristiano Ronaldo, che nel secondo tempo fallisce anche un calcio di rigore, la Juventus sfodera una prestazione a dir poco sfavillante, divenendo praticamente incontenibile per la difesa del Chievo Verona. A timbrare il cartellino, così, appena al 13° minuto di gioco, ci ha pensato Douglas Costa: il brasiliano viene servito da Dybala, quest’ultimo autore di due assist, e spara un mancino dalla distanza sul quale il pur bravo Sorrentino non può arrivare. Il raddoppio arriva poco prima del fischio del direttore di gara: i bianconeri costruiscono una bella azione al limite dell’area, la sfera finisce allo smarcato Emre Can ed il suo sinistro si insacca in rete. La reazione dei clivensi nella seconda frazione di gara è piuttosto timida, e Rugani, sul finale, realizza anche il 3 – 0 con un colpo di testa.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi