La Lazio cede il passo, Torino corsaro a Roma

Lazio Immobile




Si è concluso pochi minuti fa il penultimo posticipo del campionato italiano di Serie A, disputatosi allo Stadio Olimpico di Roma tra la Lazio ed il Torino. E, sorprendentemente, al termine di una gara ricca di colpi di scena, ad avere la meglio sono stati i granata. Gli uomini di Mihajlovic, infatti, complici alcuni episodi favorevoli, hanno trionfato con un netto 1 – 3, mentre per Simone Inzaghi paiono oramai lontani i tempi in cui lottava per il primo posto della classifica, abbattendo anche avversari di grossa levatura, come la Juventus.

Eppure, parliamo di una realtà piuttosto recente, relativa a poche settimane fa. Sembra passato un secolo, invece: in mezzo, c’è stata anche la clamorosa mancata qualificazione dell’ Italia ai campionati mondiali di Russia 2018, che paiono aver lasciato delle terribili scorie nel giocatore principe del club biancoceleste. Da allora, in effetti, Ciro Immobile non sembra essere più lo stesso: il centravanti non solo non segna più, ma in questa gara si è addirittura trasformato in un peso, facendosi espellere al 45° minuto per una sciocca testata rifilata a Burdisso, dopo un mancato rigore assegnato ai biancocelesti.

Per il Torino, è stato l’episodio che ha spaccato in due la partita. Nella seconda frazione di gara, infatti, i piemontesi sono usciti fuori con forza, rifilando un uno-due pazzesco ai frastornati uomini di Inzaghi. Al 54° ci ha pensato Berenguer ad aprire le danze, bravo e fortunato nel vincere un rimpallo contro la difesa della Lazio. Al minuto 64, il raddoppio: Luis Alberto perde una palla sanguinosa in un contrasto con Rincon, l’ex juventino si invola e, con un bel mancino, firma il momentaneo 0 – 2.

Proprio Luis Alberto cerca di farsi perdonare pochi istanti più tardi, accorciando le distanze al 69° con un pregevole tocco sotto. Ma è solo un’illusione, che dura giusto qualche minuto: al 73°, infatti, Edera viene ben servito da Baselli, e il suo sinistro è forte e preciso.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi