Neymar, addio al Barcellona sempre più vicino?

Neymar




Potrebbe concretizzarsi entro tempi davvero molto stretti la trattativa che, con ogni probabilità, porterebbe in secondo piano anche quella che ha clamorosamente portato Bonucci a vestire la casacca rossonera del Milan. Il brasiliano Neymar, infatti, sembra ormai sempre più vicino a dire addio al Barcellona, per accettare invece la ricchissima corte del Paris Saint Germain: il club transalpino, infatti, sta per mettere sul piatto una potenza economica a dir poco incredibile per portare in Francia il campione verdeoro.

NeymarLe cifre girano già da parecchi giorni sul web, e hanno fatto cadere la mascella davvero a tutti: si parla del versamento dell’intera clausola rescissoria, pari a 222 milioni di euro, più un altro centinaio di milioni di euro al padre/procuratore di Neymar, più un contratto quinquennale da ben 30 milioni di euro all’anno per il giocatore. Il tutto, insomma, tenderebbe al mezzo miliardo di euro, qualcosa di veramente incredibile, oltre che difficilmente emulabile.

Verrebbe così stracciato anche il record precedentemente registrato da Paul Pogba, allorché, nella scorsa estate, il Manchester United sborsò oltre 100 milioni alla Juventus per riportarlo in Inghilterra. Insomma, pare tutto piuttosto definito, e il giocatore sembra stia mandando anche dei messaggi piuttosto plausibili al Barcellona, che dal canto suo pare ormai rassegnato a perdere uno dei suoi più grandi campioni.

L’affare sconvolgerebbe totalmente il mercato, e costringerebbe il club blaugrana a tuffarsi con forza in questa sessione per sostituire Neymar: Coutinho, che ormai è a un passo, non sarebbe infatti sufficiente per colmare un vuoto così grande, tanto che si fa con forza sempre maggiore il nome dello juventino Paulo Dybala, caldeggiato anche da Lionel Messi.

Insomma, questa sessione estiva di calciomercato potrebbe essere ricordata per anni, e Neymar sarebbe soltanto il primo tassello di un mosaico che potrebbe raggiungere delle cifre ancor più folli di quelle di adesso. Non resta che attendere i prossimi giorni, per sapere come andrà a finire.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi