Il ritorno di Marchisio e la trasformazione della Juventus




La grande protagonista della scorsa sessione di calciomercato, sicuramente, è stata la Juventus. Il club bianconero, desideroso di giocarsi le proprie carte anche a livello internazionale dopo essere diventato pressoché invincibile su quello nazionale, ha infatti investito delle cifre ingenti per inserire, in una rosa già fortissima, risorse del calibro di Higuain, Pjanic, Dani Alves, Benatia e Pjaca. Tuttavia, quando siamo quasi giunti alla metà di ottobre, inaspettatamente potrebbe essere, per la Vecchia Signora, un altro il grande acquisto della stagione: Claudio Marchisio, infatti, è pronto al rientro.

MarchisioSono ormai passati diversi mesi da quel maledetto 17 aprile, in cui Marchisio, con la rottura del crociato, perse non soltanto il finale di stagione, ma anche la possibilità di prendere parte a Euro 2016. E pur se Madama si è già ben comportata in queste prime uscite, sul campo si è comunque sentita parecchio l’assenza di un giocatore come il principino, capace di svolgere entrambe le fasi con intelligenza e capacità che forse nessun altro centrocampista juventino possiede attualmente.

Marchisio è dunque già tornato a calcare i terreni di gioco nell’amichevole disputata ieri pomeriggio dalla Juventus contro la Pro Eureka. La buona notizia? Il giocatore, classe ’86, ha disputato un buon match, segnando anche uno dei due gol che hanno consentito al club bianconero di vincere la gara.

Il rientro di Marchisio insomma si fa sempre più vicino. E la Vecchia Signora può sorridere, perché riabbracciare un interprete di tale caratura quando iniziamo ad entrare nel vivo della stagione, può rivelarsi estremamente importante per la squadra torinese. Che, col ritorno del principino, può anche pensare a nuove soluzioni tattiche: la sua presenza, infatti, potrebbe consentire ad Allegri di virare verso un inedito 4-2-3-1, con Marchisio in mediana insieme a Khedira, e un Pjanic leggermente più avanzato a dialogare con Cuadrado, Dybala e Higuain. Oppure, nel consueto 3-5-2, gli verrebbero riconsegnate le chiavi di centrocampo, migliorando nettamente il gioco fin qui espresso dalla Juve.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi