Roma, è qui la festa: Shakhtar KO, quarti raggiunti

Roma Florenzi




Serviva la Roma migliore per ribaltare la brutta sconfitta patita in terra ucraina nel match di andata degli ottavi di finale di Champions League. O, quantomeno, la Roma vista in questi ultimi giorni, capace di stritolare il Napoli e di avere ragione del Torino grazie ad una prestazione ordinata e cinica. E così è stato: gli uomini di Di Francesco, nella gara di ritorno disputatasi, pochi minuti fa, allo Stadio Olimpico, hanno domato uno Shakhtar Donetsk abulico e mai realmente incisivo.

E serviva la zampata dell’uomo più atteso: quella di Edin Dzeko, bomber al chiaroscuro che però, nelle gare che contano, fa sempre pesare la propria presenza. Il gol rifilato al 52° minuto su assist illuminante di Strootman, che ribalta l’infausto 2 – 1 con il quale lo Shakhtar si illuse un paio di settimane fa, equivale a un macigno: un macigno che porterà denaro fresco nelle casse giallorosse, oltre ad una bella iniezione di fiducia e, chiaramente, un biglietto d’oro per i quarti di finale della Champions League. Quale che sarà l’avversario, la sensazione è che la Roma, adesso, se la giocherà fino alla fine.

I giallorossi, così, raggiungono la Juventus nell’elite delle otto migliori compagini europee: era da ben undici anni, dalla stagione 2006-2007, che l’ Italia non riusciva in una simile impresa. Allora, l’accoppiata era composta dal Milan di Kakà e Ancelotti, poi campione ad Atene, e dalla stessa Roma, che però ai quarti di finale fermò la propria corsa a causa del Manchester United, nel famigerato 7 – 1 subito in terra inglese.

È anche la quarta volta nella sua storia che la Roma rientra nel G8 continentale: l’ultima volta fu nell’anno 2007-2008, e, nuovamente, l’eliminazione avvenne ai quarti di finale per mano dei Red Devils. Ma, rispetto ad allora, stasera la Roma ha qualche altro motivo per sorridere: proprio il Manchester United è caduto per mano del Siviglia, peraltro guidato dal grande ex, Vincenzo Montella. E chissà che i due vecchi amori non si incrocino proprio nel prossimo turno…




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi