Champions: la Reyer Venezia agguanta la qualificazione con un ultimo quarto da urlo

La Reyer Venezia ottiene la qualificazione in extremis e adesso sfiderà Avellino nel derby degli ottavi di Champions.

La Reyer Venezia sfidera Avellino negli ottavi di Champions in un derby tutto italiano. Dopo Sassari anche i lagunari centrano la qualificazione dopo aver sconfitto in casa i lettoni del Ventspils nel match di ritorno. All’andata gli ospiti si erano imposti di sette punti e cosi il 70-61 rifilato dalla squadra di coach De Raffaele è stato sufficiente per garantire il pass per il turno successivo. Un match sofferto per la Reyer Venezia che per tre quarti di gara non è riuscita a mettere la testa avanti nel punteggio, lottando punto a punto con i coriacei avversari.

Per i lagunari l’attenuante non indifferente della contemporanea assenza di Peric appiedato dal mal di schiena e di Tonut, e con un Filloy in precarie condizioni fisiche. Solo nell’ultimo quarto i lagunari hanno trovato la giusta spinta per trovare i punti qualificazione imponendo un parziale di 25-15 agli avversari, ritrovando intensità in difesa e punti in attacco. Venezia ha anche rischiato di gettare alle ortiche la qualificazione quando sul +12 a 11” dalla sirena, ha subito la tripla di Campbell, perdendo poi il possesso con Filloy e consentendo a Jakovics l’ultima disperata conclusione che ha mancato il bersaglio grosso.

Un +9 che consente agli oro-granata di poter adesso guardare con fiducia al prosieguo di una stagione, per il momento, da incorniciare. La squadra di coach De Raffaele sarà impegnata domenica al PalaRadi di Cremona per proseguire la propria marcia verso i piani alti della classifica.

Il tabellino di Reyer Venezia-Ventspils

Umana Reyer Venezia – Bc Ventspils 70-61 (23-17; 30-30; 45-46)
Venezia: Haynes 5, Hagins 5, Ejim 18, Peric n.e., Bramos 17, Visconti n.e., Antelli, Filloy, Ress, Ortner 4, Viggiano 5, McGee 16. All. Walter De Raffaele.
Ventspils: Leimanis n.e., Deane 18, Jakovics 6, Ziedins n.e., Zelionis 2, Janicenoks 4, Ate, Skele 3, Gulbis 4, Zakis 9, Campbell 15. All. Karlis Muznieks.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi