Dinamo Sassari, vittoria con ‘ombra’: caos a fine gara, rischio squalifica del campo




dinamo sassari squalificaIl clamoroso episodio accaduto ieri sera nelle battute finali del match di Champions tra la Dinamo Sassari e l’Aek Atene rischia di scatenare conseguenze pesanti per il team sardo, che potrebbe subire una squalifica del campo.

A tre secondi e mezzo dalla sirena finale, con la Dinamo avanti 79-78 (partita poi vinta 80-78 dai padroni di casa), il croato Ukic finisce fuori dal perimetro nel tentativo di salvare l’ultimo possesso per i greci: a quel punto un ospite del parterre lo ha spinto alle spalle. Per impedire che Ukic reagisse alla spinta, un tifoso sistemato nelle prime file della tribuna ha tentato di colpirlo al volto.

Una scena davvero inqualificabile per uno sport come la pallacanestro: subito sono intervenute le forze dell’ordine e il servizio di sicurezza del palasport, che hanno riportato la calma. Tuttavia, quanto accaduto ieri sera al PalaSerradimigni (in Eurovisione, ndr) costerà probabilmente molto caro alla Dinamo Sassari, e anche ai due tifosi, che rischiano un Daspo dai 2 ai 5 anni.

Uno di loro è in realtà il responsabile Risorse Umane del team sardo, Paolo Rosa: è lui che ha spinto Ukic, scatenando il parapiglia. “Sento l’esigenza etica e morale di scusarmi per l’episodio che mi ha visto coinvolto – ha detto Paolo Rosa all’ANSA – il particolare momento di tensione agonistica e l’episodio che ha visto franare pericolosamente il giocatore, impegnato a recuperare una palla vagante, mi hanno portato a quella reazione”.

“Da persona rispettosa dei valori dello sport, voglio porgere le mie più sincere e sentite scuse – ha detto ancora Rosa – per un gesto che non fa parte dei miei principi e della mia condotta, nello sport così come nella vita”.

FENERBAHCE – MILANO, REPESA: “DOBBIAMO CREDERCI ANCORA” 

Otto sconfitte consecutive, e oggi la trasferta in Turchia contro il fortissimo Fenerbahce: il cammino europeo dell’Olimpia Milano lascia davvero a desiderare, ma coach Repesa non vuole mollare. “Vogliamo ancora fare di tutto per cercare di raggiungere i playoff – ha detto il coach dell’EA7 – Siamo consapevoli di essere in difficoltà e della classifica, sappiamo che dicembre non è stato un buon mese. Ma dobbiamo affrontare ogni partita dando il meglio di noi stessi senza guardare al nome dell’avversaria”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi