Eurolega, l’Olimpia Milano pasticcia nel finale e viene sconfitta a Istanbul




L’Olimpia Milano non sfata il tabù di Istanbul e torna a casa a mani vuote dopo avere accarezzato il sogno dell’impresa.

L‘Olimpia Milano pasticcia nei minuti finali dopo un lungo testa a testa contro l’Efes Anadolu e torna a casa ancora una volta, a mani vuote da Istanbul. Il carnefice delle Scarpette Rosse è stato certamente Stimac autore di 19 punti, molti dei quali segnati proprio nei momenti topici della contesa. Eppure Milano, in apertura di ripresa aveva dato un’ottima prova di sé rifilando un parziale di 8-0 contrassegnato dai canestri a ripetizione di Gudaitis e dalle triple di Micov (15 punti per lui). Alla fine del terzo quarto, i turchi tornano però avanti nel punteggio dopo essere stati sotto anche di 6 punti, grazie alla precisione chirurgica di McCollum dall’arco. La penultima frazione si è chiusa con i padroni di casa avanti di due punti (52-50).

Nell’ultima frazione, alcune disattenzioni banali della squadra di Pianigiani, hanno consentito ai turchi di rimanere in vantaggio (57-53 con un 5-0 di McCollum). La replica è giunta però immediata con Micov, 3 liberi di Theodore e una tripla di M’Baye per il 57-61 a 6’25” dalla fine. Ma McCollum è in serata di grazia e piazza un nuovo 5-0 ed Efes nuovamente sopra (62-61). Sempre lui costringe Theodore al 5° fallo, infilando i 3 liberi del 65-61 a 4’31” dal termine. Esce per raggiunto limite di falli anche Tarczewski, poi Kalnietis infila la tripla del pareggio (67-67) a -2’13”.

Stimac segna e subisce fallo da M’Baye per il 70-68 a soli 37” dal termine, l’attacco di Milano però si inceppa e Jerrells subisce una stoppata a -12”. Il sigillo a questa sfida lo mette l’ex Dragic che infila la tripla che tramortisce le speranze milanesi. Per la squadra di Pianigiani si tratta della settima sconfitta in 10 gare. Adesso si riaffaccia di nuovo lo spettro dell’ultimo posto in classifica.

EFES Stimac 19, McCollum 15, Dragic 12.
MILANO: Micov 15, Theodore 15, Gudaitis 11




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi