Europei, gruppo B: la Lituania chiude prima. Agli ottavi anche l’Ucraina

germania lituania




Vittoria al fotofinish, ottavi blindati (ma erano già certi dopo la vittoria della Georgia contro Israele) e morale sicuramente più alto rispetto alle 48 ore precedenti. L’Italia batte i georgiani e si guadagna il passaggio del turno dove affronterà la Finlandia.

Gli azzurri hanno chiuso al secondo posto nel girone, a pari merito con la Germania e subito dietro la Lituania. La giornata di ieri è stata caratterizzata proprio dalla sfida tra i lituani e i tedeschi, che ha visto prevalere i primi per 89-72. Una vittoria che ha permesso alla Lituania di chiudere il gruppo B al primo posto, costringendo la Germania alla seconda piazza in coabitazione con l’Italbasket.

I lituani sembrano aver imparato la lezione: dopo la battuta d’arresto iniziale con la Georgia non hanno più sbagliato un colpo. Già dalle prime battute del match si capisce il diverso tipo d’approccio alla gara tra i due team: Valanciunas e Motiejunas fanno subito male alla difesa teutonica, la Lituania chiude il primo quarto sul +6. Tedeschi meglio nella seconda frazione, dove riescono a sorpassare i lituani prima di venire nuovamente superati da una tripla di Juskevicius: il primo tempo si chiude 47-43 per la Lituania.

Nella ripresa i lituani affondano il piede sull’acceleratore: la Germania prova a rispondere e per lunghi tratti del terzo quarto resta aggrappata al match. Ma nell’ultimo quarto è il solito Valanciunas (27 punti), ben spalleggiato da Motiejuans e Ulanovas, a sigillare il successo lituano.

Agli ottavi va anche l’Ucraina, che batte Israele e approfitta del ‘regalo’ azzurro, beffando così la Georgia. Vittoria senza appello quella degli ucraini: 88-64 agli israeliani, che chiudono il gruppo B all’ultimo posto con soli 2 punti. Nell’Ucraina vanno segnalati i 19 punti di Kravtsov e i 16 a testa di Bobrov e Lypovyy. Dall’altra parte, Eliyahu ha provato a tenere a galla i suoi con 18 punti, ma è stato tutto inutile: Israele torna a casa.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi