Europeo Under 20, Italia ko con la Svezia (65-69). Oggi ottavi con la Serbia (17:30)




europeo under 20Brutte notizie da Helsinki: seconda sconfitta su tre partite disputate in questo Europeo Under 20. Se non è un campanello d’allarme, poco ci manca. La Nazionale maschile si fa beffare nel finale dai lunghi svedesi (69-65), che dopo un primo tempo chiuso in svantaggio sono riusciti a riagguantare gli azzurrini nella ripresa, per poi andare a vincere nelle battute finali.

L’Italia chiude il proprio girone al terzo posto e si qualifica comunque per gli ottavi di finale, dove affronterà la temibilissima Serbia: appuntamento oggi pomeriggio alle 17:30.

Seconda sconfitta, dicevamo, dopo quella inaugurale contro la Repubblica Ceca e la vittoria ‘di mezzo’ contro il Belgio. Svedesi che dominano l’Italia a rimbalzo e riescono a recuperare il distacco nel secondo tempo, dopo una prima frazione che vedeva gli azzurrini avanti di 7 punti.

Nel primo quarto l’Italia parte forte e si porta subito avanti, grazie al solito Flaccadori e alla buona lena di Totè. I nordici rispondono con il gigante Birgander (210 cm) e la grande tecnica di Brandmark, che impediscono agli azzurrini di prendere il largo.

L’Italia però è nettamente in partita, e nei primi 10′ non sembra esserci storia, tanto che i ragazzi di coach Sacripanti raggiungono più volte il massimo vantaggio di 10 punti. Il bottino si assottiglia nel finale di tempo a causa di un paio di disattenzioni della retroguardia, che permettono a Brandmark di infilare un paio di triple molto pesanti. Il primo tempo si chiude 35-28 per l’Italia, ma la Svezia resta aggrappata al match.

E infatti, nella ripresa, gli svedesi rientrano sul parquet molto più carichi. Sheriff Drammeh prende per mano i suoi e comincia a colpire a più riprese la difesa italiana, bucando più volte la retina (11 punti per lui nel terzo quarto) e completando la rimonta nordica. Da quel momento in poi il match resterà in equilibrio, fino a 19” dalla fine, quando Anderson riuscirà a realizzare il canestro decisivo. Mussini tenterà poi la tripla della disperazione, ma troverà la stoppata di Birgander. I liberi di Drammeh danno la vittoria definitiva alla Svezia, che chiude 69-65. Ora testa alla Serbia: da questo momento in poi non si può più sbagliare.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi