Il Fenerbahce sul tetto d’Europa: sconfitto l’Olympiakos in finale

Netta affermazione in finale per Datome e compagni che schiantano l’Olympiacos nell’ultimo atto di Eurolega.

Il Fenerbahce vince la prima Eurolega della sua storia, battendo nettamente per 80-64 i rivali dell‘Olympiakos nella finalissima di Istanbul. Nel caldissimo palazzo dello Sport turco, il Fenerbahce non dà scampo ai rivali greci, imponendo la maggiore fisicità sotto le plance e una condizione di forma davvero invidiabile delle sue principali bocche di fuoco. E cosi, ancora una volta, Udoh, Bogdanovic e compagni regalano lampi di classe, tramortendo anche le velleità dei greci dopo aver sconfitto nettamente il Real Madrid in semifinale.

Una superiorità già evidenziata in apertura di match, con il primo quarto che si chiude sul 26-18 per gli uomini di Obradovic che mettono subito in chiaro il fatto che non sarebbe stata una serata facile per la squadra di Sfairopoulos. Il coach della squadra greca prova a ruotare la squadra, cercando invano l’assetto ideale per rimettere in piedi la sfida. I greci partono bene nel secondo quarto, riducendo il distacco sul 29-25, ma la spinta dei tifosi locali esalta i proprio beniamini che trovano la lucidità per piazzare ancora un break vincente, culminato nella bomba di Bogdanovic ci riporta i padroni di casa avanti di nove punti (34-25). Gli ospiti hanno il merito di tenere i nervi saldi nella bolgia infernale del palazzetto di Istanbul, e riescono a tenersi in partita chiudendo il primo tempo sotto solo di 5 punti (39-34).

La partita cala di intensità in apertura di ripresa, con alcuni errori di troppo dall’una e dall’altra parte. I padroni di casa sono precisi nel tiro a gioco fermo e volano sul +10 (54-44). E’ la bomba di Gigi Datome il vero spartiacque che scava un solco nel punteggio tra le due contendenti, ed è sempre lui a trovare la conclusione del 60-46 che fa esplodere i tifosi locali.

Nell’ultimo quarto i padroni di casa incrementano l’intensità difensiva, negando ogni possibilità ai greci di poter tornare in partita. Udoh fa la voce grossa sotto le plance e si conferma mvp delle final four (29 di valutazione totale), mentre Kalinic e Bogdanovic continuano a colpire senza soluzione di continuità. In un palazzetto dello sport letteralmente impazzito, il Fenerbahce chiude la sua fatica imponendosi per 80-64, regalandosi il primo alloro europeo della sua storia, vendicando la sconfitta in finale della scorsa stagione. Un ciclo davvero entusiasmante quello della squadra di Obradovic, che ha dimostrato sul campo di meritare il massimo trofeo continentale.

Fenerbahce: Udoh 10, Mahmutoglu, Antic 4, Bogdanovic 17, Bennett, Sloukas 3, Nunnally 2, Vesely 8, Kalinic 17, Dixon 8, Duverioglu, Datome 11. All. Obradovic

Olympiacos: Green 7, Birch 14, Young , Papapetrou, Toliopulos 3,  Spanoulis 9, Waters 2, Agravanis, Milutinov 10, Printezis 7, Papanikolaou 3, Mantzaris 9. All. Sfairopoulos

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi