Rio 2016, la grinta di Datome: “Vogliamo guadagnarci le Olimpiadi sul campo”




rio 2016“A volte meglio perdere di qualche punto che vincere di 30-40”. A parlare è il capitano della Nazionale italiana di basket, Gigi Datome, che sprona i suoi compagni alla vigilia dell’ultima amichevole prima del torneo preolimpico di Torino, dove l’Italia si giocherà la possibilità di accedere alle Olimpiadi di Rio 2016.

L’Italbasket viene dalla sconfitta nella finale del torneo “Imperial Basketball City”: a Bologna, infatti, il Canada ha sorpreso gli azzurri (71-74) che fino ad allora avevano spazzato via i (deboli) avversari. Una sconfitta che però, come sottolinea Datome, potrebbe far bene alla truppa di Ettore Messina.

“E’ stata la prima gara vera – ha detto Datome – qualcosa di cui avevamo veramente bisogno. Abbiamo poco tempo, ma possiamo apprendere dagli errori e migliorare, siamo tutti a disposizione del coach”.

Capitolo infortuni. Qualche grattacapo Messina ce l’ha, viste le condizioni non ottimali di Bargnani, Hackett e soprattutto Belinelli, reduce da una frattura all’osso mascellare e costretto a giocare con una maschera protettiva. Ma Gigi Datome minimizza e carica i tifosi: “Gli infortuni sono cosa da niente, è importante essere sani e remare tutti dalla stessa parte – spiega il capitano – Giochiamo in casa, vogliamo tanto e tutti questa Olimpiade ma dobbiamo dimostrare di meritarcela sul campo”.

L’ultima amichevole contro Porto Rico, in programma domani a Biella, servirà a Messina per stilare la lista dei 12 che parteciperanno al Preolimpico di Torino: il nostro primo impegno è in programma lunedì 4 luglio contro la Tunisia.

Datome spera che l’Italbasket possa riuscire a regalare le stesse emozioni che il popolo italiano sta vivendo grazie alla Nazionale di Antonio Conte, impegnata negli Europei francesi, che lunedì ha meritatamente sconfitto gli ex Campioni d’Europa della Spagna. “Sarebbe bello regalare le stesse emozioni vissute con il calcio anche agli appassionati di pallacanestro – afferma Gigi Datome – Ognuno ha degli obiettivi. Il mio, e quello dei miei compagni, è di conquistare Rio. Le Nazionali hanno un doppio compito: far divertire e rendere orgogliosa tutta una nazione. Ce la metteremo tutta”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi