Rio 2016, Australia e Francia sul velluto: nette vittorie contro Cina e Venezuela




rio 2016 La quarta giornata del girone A del torneo di basket maschile alle Olimpiadi di Rio 2016 verrà ricordata soprattutto per la grande paura statunitense: gli USA hanno vinto la quarta partita su 4 in questa Olimpiade, ma dopo la ‘balbettante’ prestazione contro l’Australia hanno letteralmente tremato contro la Serbia, capace di arrivare ad un solo canestro dall’overtime.

Chissà cosa starà passando nella mente di Bogdanovic, che ha avuto tra le mani il canestro dell’incredibile supplementare, ma l’ha spedito sul ferro. Serbia ad un passo dall’impresa, gli USA vincono ancora ma appaiono sempre più ‘umani’.

Negli altri due match del girone, nette vittorie di Australia e Francia contro Cina e Venezuela. Altra ottima prova del collettivo australiano, che si sbarazza facilmente dell’avversario cinese (93-68), mentre i transalpini costruiscono la loro vittoria nel primo tempo, chiuso avanti di 20 punti: nella ripresa il Venezuela abbandona ogni velleità, la Francia è implacabile e porta a casa il successo senza nessun problema (96-56).

Ieri è stata completata anche la penultima giornata della fase a gironi nel torneo di basket femminile. Nettissime le vittorie di USA e Spagna contro Canada e Senegal, mentre più equilibrata è apparsa la sfida tra Serbia e Cina (80-72 per le atlete serbe).

In realtà, anche il ‘derby’ tra USA e Canada era piuttosto in bilico fino al terzo quarto: le atlete nordamericane, fino a quel momento, erano riuscite ad imbrigliare piuttosto bene le fortissime americane, grazie all’organizzazione di gioco impartita dalla coach Lisa Thomaidis. Tuttavia, nel momento decisivo, gli USA sanno sempre dove pescare: ancora grandi performances delle solite Diana Taurasi (12 pt e 4-5 da tre), Maya Moore (12 pt) e Tina Charles (10 pt).

Niente da fare per le senegalesi: troppo forti le iberiche, nettamente avanti per tutta la durata del match. Sugli scudi  Astou Ndour (18 pt e 12 rimbalzi) e Alba Torrens (14 pt), bella la prova di Marta Xargay (12 punti).

La Serbia, dopo la sconfitta contro gli USA, si rilancia e sconfigge una bella Cina, a cui non è bastata la prestazione più che positiva di Mengran Sun (16 punti). Ana Dabovic (23 pt) e Sonja Petrovic (20 pt) permettono alla Serbia di agganciare in classifica proprio le asiatiche a quota 5.

 




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi