Rio 2016, che Serbia! Si sbarazza dell’Australia (87-61) e sfida gli USA in finale




rio 2016 serbia australiaLa resa di Bogut e Dellavedova dopo una grande Olimpiade, la dimostrazione di forza del team di coach Djordjevic, che strapazza l’Australia e vola a giocarsi la prima finale olimpica da quando è solo Serbia (2006). L’avversario, naturalmente, sono gli Stati Uniti (che in semifinale hanno sconfitto la Spagna): una grande sfida, la rivincita dell’ultimo atto del Mondiale 2014.

Gli oceanici, autori di un ottimo torneo, si perdono proprio all’esame di laurea, tramortiti da un Teodosic in odore di NBA: 22 punti e 5 assist per lui, coadiuvato dagli ottimi Macvan e Radulijca, che infilano rispettivamente 12 e 11 punti a testa. Ai Boomers non resta che tentare l’assalto alla medaglia di bronzo nella finalina contro gli iberici.

Se nella fase a gironi l’Australia aveva avuto ragione dei serbi, che la musica stavolta sarebbe stata diversa lo si è capito abbastanza subito: immediato il primo parziale di 8-0 per la Serbia. Il timeout non scuote l’Australia, che risulta evanescente soprattutto in attacco, dove finora aveva particolarmente brillato. Mills prova a far scattare la scintilla con una bella tripla, ma Teodosic, Bogdanovic e Jokic sono implacabili: il primo quarto termina 16-5 per i serbi.

Nel secondo quarto l’Australia prova una (timida) reazione: gli “Aussies” risalgono fino a -6, ma l’illusione dura il tempo di un “amen”. Torna in campo Teodosic, parziale di 10-2 e nuovo ‘ciao ciao’ degli uomini di coach Djordjevic, che vanno al riposo lungo sul 35-14.

Comincia la ripresa, e per la prima volta l’accoppiata – fin qui vincente – Bogut-Dellavedova torna a far vedere ciò di cui è capace. Ma dall’altra parte Teodosic è praticamente incontenibile. Il distacco resta invariato, la Serbia non cala di concentrazione nemmeno per un istante. Per l’Australia l’impresa si fa sempre più difficile. Il finale di terzo quarto è già una sentenza: Serbia avanti 66-38, gli ultimi 10 minuti servono solo alle statistiche. Il punteggio finale recita +26 per la Serbia.

Serbi superiori in tutto: rimbalzi, assist, percentuale al tiro. Ora gli uomini di Djordjevic sono chiamati a compiere la “mission impossible”: strappare la medaglia d’oro dal collo dei campionissimi statunitensi.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi