A2, semifinale playoff: uragano Treviso, umiliata la Fortitudo!




playoffNel linguaggio automobilistico il termine tecnico è “doppiaggio”. Ed è proprio ciò che ha fatto Treviso nella gara 2 della semifinale playoff A2 contro Bologna. I padroni di casa hanno umiliato la Fortitudo, infliggendole un pesantissimo 90-45. Serie pareggiata, quindi, dopo che gli uomini di coach Boniciolli erano riusciti a vincere la prima sfida di questa semifinale.

Proprio gara 1 aveva dato l’impressione di una semifinale già segnata, con Bologna che avrebbe facilmente guadagnato il pass per la finalissima promozione. Invece la De’Longhi si è riscattata immediatamente, e lo ha fatto praticamente distruggendo la Fortitudo, dominandola a rimbalzo e disputando una prestazione difensiva memorabile. Sugli scudi Marshawn Powell: i suoi 32 punti spingono i locali verso il trionfo.

Pronti, via e Treviso fa già capire quale sarà l’andazzo di questo match. Gli uomini di coach Pillastrini scendono in campo con una determinazione spaventosa, perfetti in difesa e precisissimi in attacco. Già il primo quarto termina 24-9 per Treviso. Boniciolli le prova veramente tutte (dentro Campogrande e Sorrentino) ma Bologna proprio non c’è. I locali dapprima riescono a mantenere il doppio vantaggio, poi cominciano ad infilare triple su triple: all’intervallo è 49-28 per Treviso. La Fortitudo è già sotto shock.

Nella ripresa ci si attende una reazione fortitudina. Reazione che non arriva affatto: Bologna comincia a cedere anche in fase difensiva, la De’Longhi dilaga portandosi addirittura sul +30 (63-33) e chiudendo il terzo quarto con 33 punti di vantaggio (74-41). Un distacco talmente ampio che Pillastrini decide di giocarsi l’ultimo quarto lasciando riposare i titolari, in vista di gara 3 sabato sera al PalaDozza. Treviso controlla agevolmente il match, la Fortitudo nemmeno ci prova. Il divario continua ad aumentare, fino al ‘doppiaggio’: termina 90-45 per Treviso, con un PalaVerde in visibilio.

Nella terza sfida sarà chiaramente un’altra storia, ma per Bologna c’è già un ulteriore campanello d’allarme: Candi, infortunato, potrebbe non recuperare per sabato. Una brutta tegola per Boniciolli.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi