“Ma Agrigento si trova in Italia?”. Bufera sullo sponsor della Fortitudo




fortitudo agrigento “Ma Agrigento si trova ancora in Italia?”. Ha lasciato senza parole l’affermazione esternata da Federico Ballandi, alias signor Kontatto, lo sponsor della Fortitudo Bologna.

Durante la cerimonia di presentazione del nuovo acquisto Daniele Cinciarini, Ballandi si è lasciato andare ad espressioni totalmente insensate. “A me piacciono molto le trasferte: con dei Frecciarossa o qualcos’altro riusciremo a raggiungere questa località, ma si trova ancora in Italia?”, in riferimento alla prossima trasferta della Fortitudo, che dovrà recarsi ad Agrigento.

Dulcis in fundo, le parole di Ballandi non hanno suscitato nessuna stigmatizzazione da parte dei presenti: anzi, per essere precisi il direttore generale della Fortitudo, Christian Pavani, ha abbozzato anche un sorriso (così come lo stesso Cinciarini, ndr).

Anche per questo, Pavani ha voluto successivamente precisare la sua posizione: “Essendo direttamente chiamato in causa in merito al sorriso che mi viene attribuito in chiusura di conferenza stampa di presentazione di Daniele Cinciarini – farà sapere il d.g. in una nota – ritengo sia doveroso intervenire e puntualizzare, anzitutto, che nulla c’era (in quella mia reazione) di offensivo nè di denigratorio. Neanche due mesi fa, la Fortitudo si è recata cinque giorni consecutivi in Sicilia (a Trapani) per effettuare una sorta di mini ritiro in preparazione ai playoff che io stesso, in prima persona, ho fortemente voluto e che ha coinvolto anche tanti ragazzi del nostro settore giovanile”.

“Auspico che la portata della questione venga ridimensionata perché se c’è una società (ed io in questo caso la rappresento) che ha il più totale rispetto e legame con la Sicilia, questa è la Fortitudo – ha aggiunto Pavani – Allo stesso tempo, poi, credo sia giusto scusarsi con chi, in quel sorrisino che mi viene attribuito, ha visto un atto offensivo”.

Sui social è scoppiata la rabbia del popolo agrigentino, ma lo sdegno è stato unanime da parte di tutti i tifosi italiani. La stessa Fossa dei Leoni 1970, gruppo storico di tifosi fortitudini, ha tenuto a “dissociarsi in maniera categorica dalle parole pronunciate dal sig. Ballandi in merito alla trasferta di Agrigento”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi