Avellino si rialza, Trento ko: è 1-1. Venezia travolge Cremona e “vede” la semifinale

avellino trento




I quarti di finale dei playoff del campionato di Serie A di basket maschile hanno finora una sola serie equilibrata. Mentre Milano, Brescia e Venezia sono già sul 2-0 e hanno la chance di chiudere i conti in gara 3 (che giocheranno tutte in trasferta, ndr), la Sidigas Avellino e l’Aquila Trento sono invece sull’1-1. La Scandone è riuscita a rimediare alla sconfitta interna patita in gara 1 e ha battuto i bianconeri di coach Buscaglia nonostante si giocasse in un PalaDelMauro deserto a causa della squalifica per due turni del parquet irpino per i fatti accaduti nel primo match.

Rispetto a due giorni fa, la Sidigas è scesa in campo con un’attitudine decisamente più grintosa e propositiva. Fin dai primi minuti si è capito che Avellino aveva qualcosa in più: trascinata da Fesenko (20 punti), la Scandone chiudeva il primo quarto sul +9. Tuttavia, Trento è un team esperto, e già nel secondo quarto la situazione si riequilibrava grazie a Hogue e Gutierrez. Ma dura poco: Avellino torna a macinare gioco e punti e va all’intervallo sopra di 11 lunghezze.

Nella ripresa ci si aspetta una reazione da parte degli ospiti, invece sono ancora gli uomini di Sacripanti a spingere sull’acceleratore. La difesa di Trento sbanda paurosamente: quando la tripla di Scrubb spedisce Avellino sul +18 è chiaro che il match non ha più una storia. Nell’ultimo quarto la Dolomiti sparisce completamente, sprofondando anche a -26. La gara si conclude sull’80-59 per la Scandone, che pareggia i conti: la serie si sposta ora a Trento.

Venezia sconfigge di nuovo Cremona e si porta sul 2-0 nella serie. Il team di De Raffaele ha letteralmente travolto quello di coach Sacchetti: 108-76 per i lagunari, capaci di mandare sei uomini in doppia cifra, con Peric top scorer (19 punti). La Vanoli si è affidata al solo Johnson-Odom (22 punti) ma contro questa Reyer c’era ben poco da fare. L’Umana può conquistare la semifinale già nel prossimo match a Cremona.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi