Avellino, ucciso il fratello di Ragland: è caccia al killer

ragland fratello Una tremenda notizia sconvolge la Sidigas Avellino e tutto il mondo del basket. Il fratello di Joe Ragland, top player degli irpini, è rimasto coinvolto in una sparatoria che gli è costata la vita. 

Il tragico avvenimento è accaduto a Springfield, nello Stato dell’Illinois. Shawn Ragland, fratello minore di Joe, è stato raggiunto da alcuni colpi di pistola nella serata di domenica. Il giovane è stato subito soccorso sul posto ed in seguito trasportato in ospedale, dove il 26enne è stato dichiarato morto.

Stando a quanto riferito da uno degli agenti intervenuti, pare che Shawn Ragland si trovasse all’interno di un’abitazione dove era in corso una festa. Verso le 9:30, il 26enne è uscito un momento, e una volta all’esterno è stato raggiunto e ucciso dai proiettili. Dall’inizio dell’anno è il terzo omicidio nella cittadina dell’Illinois: come nei casi precedenti, anche stavolta nessuno è stato ancora consegnato alla giustizia. Le indagini sono tuttavia in corso.

Molti dettagli sulla vicenda non sono ancora stati resi noti, ma quel che è certo è che Ragland è già volato negli States per stare vicino alla sua famiglia in un momento così difficile. Allo stato attuale non è dato sapere per quanto tempo il ‘top player’ della Sidigas resterà negli USA: la Scandone potrebbe perdere il suo uomo migliore almeno per le prime due gare dei playoff contro la Grissin Bon Reggio Emilia, in programma sabato e lunedì prossimo al PalaDel Mauro. Ma anche se l’assenza dovesse prolungarsi, è escluso che Avellino torni sul mercato.

Nel frattempo, la società irpina ha diramato un comunicato per esprimere tutta la propria vicinanza alla famiglia Ragland, così duramente colpita da una tragedia di enormi proporzioni. “Siamo sempre in contatto con lui, è doveroso essergli vicini in un momento terribile come questo – ha detto il diesse Nicola Alberani – Speriamo di riaverlo presto qui, ma al momento è impossibile immaginare un termine temporale entro il quale questo potrà accadere”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi