Brindisi-Capo d’Orlando, bivio playoff: le parole dei due coach

capo d'orlando brindisi Una partita, un bivio. 40 minuti dove con tutta probabilità verrà stabilito chi conquisterà la qualificazione ai playoff e chi invece dovrà vederseli dal divano di casa.

E’ questa la posta in palio nel match tra l’Enel Brindisi e la Betaland Capo d’Orlando. I siciliani sono all’ottavo posto – l’ultimo utile per la post-season – a pari punti con Pistoia e con due lunghezze di vantaggio proprio nei confronti del team allenato da Meo Sacchetti.

Brindisi, nell’ultimo turno, ha gettato via una grossa chance di aggancio all’ottavo posto (riuscito invece alla The Flexx di coach Esposito, che ha superato Pesaro 87-83): la sconfitta al PalaMaggiò ha notevolmente compromesso i piani di Sacchetti, che ora è costretto a battere la Betaland se vuole guadagnarsi i playoff.

“Faccio ancora fatica a capire le motivazioni del nostro atteggiamento e approccio alla partita – confessa il coach dell’Enel Brindisi – Sapevamo di dover affrontare tre finali, adesso ne rimangono due per accedere ai playoff, nostro ultimo obiettivo stagionale”.

La battuta d’arresto in casa di una Caserta già salva e la prospettiva della post-season che diventa sempre più complicata: un finale di stagione molto turbolento per Brindisi, che deve far fronte alle molte critiche piovute addosso a giocatori e coach. “Il mestiere dell’allenatore comporta oneri e onori, per cui accetto le critiche e sono il primo ad ammettere di poter sbagliare – ha detto Sacchetti – Nessuno è infallibile a partire dal coach per finire ai giocatori”.

Parla di partita ‘tostissima’ il coach della Betaland, Gennaro Di Carlo. “Tuttavia possiamo prendere due punti importantissimi che potranno fare la differenza – afferma Di Carlo a ‘Italpress’ – abbiamo una grande possibilità di testare la nostra consistenza e la nostra capacità di saper giocare sotto pressione in modo migliore di come abbiamo fatto nelle ultime uscite. Credo che, come nelle ultime partite, il treno della vittoria passerà per noi e dovremo essere bravi a salirci sopra quando siamo lì vicino”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi