Cantù-Reggio Emilia, in palio i playoff. Sodini: “Dobbiamo aggredire la partita”

reggio emilia cantù




La Red October per coronare una stagione incredibile sotto ogni punto di vista, la Grissin Bon per tenere accesa quell’ultima speranza di poter rientrare tra le prime otto. E’ una sfida al cardiopalma, quella che propone il posticipo del 28esimo turno del campionato di Serie A di basket maschile.

Domani, alle ore 20:45, al PalaDesio si sfideranno la Pallacanestro Cantù di coach Sodini e la Reggiana, che crede ancora nei playoff. I canturini attualmente sarebbero qualificati alla post-season, ma c’è bisogno ancora di un paio di vittorie per assicurarsi un “pass” che verrebbe accolto quasi come un miracolo. Sì, perchè la stagione della Red October era cominciata sotto i peggiori auspici, con la crisi societaria che rischiava di compromettere seriamente il lavoro di Sodini.

Ma il coach di Cantù ha realizzato un lavoro eccellente, costruendo un gruppo capace di togliersi molte soddisfazioni e di inserirsi addirittura nelle posizioni nobili della graduatoria. Lo stesso coach Recalcati, in una recente intervista, ha parlato di “stagione superiore alle aspettative”. La sfida casalinga contro la Grissin Bon è la grande occasione: una vittoria risulterebbe quasi decisiva. “Questa partita è ‘la’ partita, se la vinciamo siamo con mezzo piede ai playoff”: sono le parole di Sodini, che riconosce la grande importanza del match di domani sera.

“È il momento di mostrare quanta voglia abbiamo e quanta capacità abbiamo di sostenere la pressione – afferma il coach della Red October – Dobbiamo avere la capacità di aggredire la partita perché spesso siamo stati capaci di farlo solo quando sostanzialmente la pressione era sulle spalle dei nostri avversari, come ad esempio contro Milano o Avellino”.

Cantù arriva a questo appuntamento in ottima salute. “Stanno tutti bene – dice Sodini – solo Parrillo ha avuto delle coliche, speriamo di recuperarlo. Negli ultimi tre giorni si sono allenati tutti molto bene, mi hanno quasi sorpreso”.

 




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi