Esclusione Juvecaserta: ieri l’accesa conferenza stampa di Iavazzi




C’erano anche le forze dell’ordine per prevenire incidenti nella affollata conferenza stampa organizzata dal presidente della Juvecaserta.

Si è svolta ieri allo Juvecaserta Store la conferenza stampa del presidente Iavazzi in un clima surreale dove la tensione ha toccato i vertici richiedendo anche la presenza delle forze dell’ordine al fine di prevenire incidenti e scontri tra tifosi e dirigenti. Il patron bianconero ha organizzato la conferenza stampa per parlare pubblicamente della questione relativa all’esclusione della Juvecaserta dal prossimo campionato. Una sorta di one man show nel quale Iavazzi ha gridato al complotto del Nord creato ad arte per ripescare la Vanoli Cremona.

Iavazzi ha ribadito le sue legittime pretese e la propria innocenza garantendo di aver fatto tutto il possibile al fine di rientrare nei parametri che la Comtec aveva imposto anche se la ‘decisione’ era già stata presa dai vertici della federazione. Il patron della società bianconera ha preferito non fare nomi e non scendere in particolari ma ha chiarito di aver provveduto al pagamento della cartella esattoriale rateizzata, anche se poi si è rivelata una mossa inutile ai fini del ‘salvataggio’ della Juvecaserta. Iavazzi ha anche attaccato il mondo dell’imprenditoria casertana e le istituzioni che non hanno fatto nulla per aiutare la società nell’opera di salvataggio.

In particolare ha parlato di un contratto con cui un’azienda facente parte del Consorzio si era impegnata a rilevare il 72% della società, venendo poi meno all’impegno peso. Il presidente, a prescindere dall’esito del ricorso al Tar del Lazio, ha già preannunciato di non volere avere più nulla a che fare con il mondo del basket.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi