Fortitudo, che mazzata: PalaDozza squalificato per due gare. La società: “Faremo ricorso”

bologna paladozza squalifica Mano pesante del giudice sportivo nei confronti della Fortitudo Bologna. Nemmeno il tempo di festeggiare la splendida rimonta – da 0-2 a 2-2 – contro Trieste che permette alla Effe di giocarsi l’accesso alla finalissima in gara 5, che arriva una mazzata tra capo e collo: PalaDozza squalificato per due gare e multa di mille euro.

La motivazione è l’invasione di campo commessa da individuo isolato che a 12″ dalla fine della gara si posizionava sul parterre sotto il canestro della squadra ospite e avvicinandosi sino alla linea di fondo campo, offendeva Cavaliero. Inoltre, la pena è stata stabilita anche per l’invasione del campo commessa da circa 300 persone a fine gara che si avvicinavano e venivano in contatto con alcuni tesserati della squadra ospite, spintonandoli e offendendoli.

Il tutto senza dimenticare quanto avvenuto in gara 3, con l’aggressione subita nel post partita da un tifoso ospite.

A questo punto, qualora la Fortitudo dovesse espugnare Trieste in gara-5 si andrebbe incontro a un derby con la Virtus nella finale per la promozione da disputare in campo neutro, probabilmente Rimini. Un precedente accaduto soltanto in due occasioni: in 105 precedenti della storica stracittadina bolognese, si è giocato in campo neutro solo nella coppa Italia del 1973 a Cremona e nella Final Four di Eurolega del 1999 con semifinale a Monaco di Baviera.

Tuttavia, la Fortitudo ha deciso di non restare a guardare: per la Effe la sentenza del giudice sportivo è davvero troppo dura, e la società bolognese ha deciso di presentare ricorso. L’obiettivo è almeno quello di ridurre parzialmente la pena, diminuendola da due ad una sola giornata, trasformando quest’ultima in pena pecuniaria.

Intanto c’è da giocare gara 5 a Trieste. Per la trasferta in terra giuliana il caldissimo tifo bolognese si sta già mobilitando: la Fossa dei Leoni ha richiesto la disponibilità di 600 biglietti, il 10 per cento della disponibilità dell’intero impianto triestino.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi