Per la ‘cattolica’ Cantù, lo sponsor è… comunista!




cantù sponsor comunistaAnche la Pallacanestro Cantù si prepara all’esordio nella nuova stagione di Serie A 2016/2017. Il team brianzolo sarà di scena in casa contro l’Umana Reyer Venezia, tra le candidate all’assalto del titolo dell’Olimpia Milano, strafavorita per la vittoria finale.

Tutto pronto a Cantù per questo atteso debutto, quindi, anche perchè la storica formazione canturina ha un nuovo sponsor. Fin qui tutto normale, se non fosse che la griffe appartiene alla famiglia Gerasimenko, proprietaria del club. E che c’è di male, direte voi? Beh, il nome dello sponsor è Red October, ossia Ottobre Rosso. Agli appassionati di cinema verrà subito in mente il celebre film di John McTiernan con Sean Connery nei panni del comandante Marko Ramius, ma per quelli più avvezzi alla politica la dicitura “Ottobre Rosso” non può non far pensare alla Rivoluzione russa del 1917, con la caduta dell’impero zarista e l’affermazione di Lenin e del socialismo.

Il tutto nella Cantù da sempre legata al mondo cristiano-cattolico, per non dire clericale, tanto è vero che la storica formazione di pallacanestro è da sempre definita come “la squadra dei preti”: indimenticabile una battuta di Dan Peterson, che etichettò come “Pretoni!” alcuni dirigenti che lo presero in giro dopo una sconfitta.

Chiaramente, oggi la Russia è ben diversa dall’URSS bolscevica, e Putin (leader del partito di centrodestra Russia Unita) non è Lenin nè tantomeno Stalin. Ma vedere come sponsor sulle canotte canturine una scritta che richiama al comunismo è certamente qualcosa di insolito

HAYNES: “DOBBIAMO VINCERE PIU’ GARE POSSIBILI” 

“Veniamo da un’ottima preseason, adesso sotto con il campionato. L’obiettivo è vincere più gare possibili”. E’ carico a mille Marquez Haynes: il play statunitense, dopo le esperienze con Milano, Siena e Sassari, vuole dimostrate tutto il suo valore anche con la Reyer. “Questa squadra è reduce da due semifinali scudetto, ci sono giocatori di esperienza, cercheremo di ripartire sulle ali dell’entusiasmo creato la scorsa primavera”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi