La Pallacanestro Cantù strapazza Sassari nel posticipo




Largo successo per la Pallacanestro Cantù che superano Sassari per 90-69, affondando il colpo sui sardi privi di Lidecka e Savanovic.

La Pallacanestro Cantù ritrova gioco ed entusiasmo e asfalta letteralmente la Dinamo Sassari per 90-69 nel posticipo serale della quarta giornata di serie A. Per il quintetto di coach Kurtinaitis si tratta del secondo successo consecutivo che regala una ventata di ossigeno dopo le prime due uscite in campionato assolutamente deludenti.

Pallacanestro CantùI sardi pagano oltremodo il forfait di Lydeka e l’uscita anzitempo di Savanovic per 5 falli. Due assenze pesanti che hanno fatto perdere la bussola alla squadra di Pasquini, priva di idee e di soluzioni in fase offensiva. Il primo quarto regala fuochi d’artificio e un punteggio alto, con le due squadre molto precise sotto canestro e con Savanovic e Waters assoluti protagonisti. Cantù va al riposo breve sul 30-25.

Nel secondo quarto permane la situazione di sostanziale equilibrio, con le due squadre che si controsorpassano fino al 51-49 finale con il quale, la Pallacanestro Cantù chiude in vantaggio al riposo lungo.

Ad inizio ripresa i padroni di casa accelerano, approfittando anche di una serie di errori in fase offensiva della Dinamo Sassari che consentono a Cantù di portarsi avanti di 9 punti. Tra i sardi, l’unico a tenere botta è Savanovic, troppo poco per reggere la pressione della squadra di Kurtinaitis, sospinta dalla grande serata al tiro di Darden e Jhonson.

Savanovic è costretto però all’uscita anzitempo dal parquet per il raggiunto limite di falli e per gli ospiti è davvero notte fonda. Cantù chiude avanti di 13 punti (72-59) il terzo quarto, per poi affondare il colpo in modo deciso nell’ultima frazione. Sassari rimane senza cartucce per quanto concerne le soluzioni offensive, realizzando solo la miseria di 10 punti nell’ultimo quarto, mentre Cantù continua a colpire dal pitturato aumentando il divario che al suono della sirena sarà di 21 punti. Vince Cantù per 90-69, un successo che regala fiducia ai tifosi canturini, mentre per coach Pasquini ci sarà ancora molto da lavorare, in attesa di un rapido recupero di Lydecka.

Il tabellino di Cantù-Sassari

Cantù (Coach Kurtinaitis) Baparapè, Parrillo, Laganà, Pilepic 20, Waters 8, Callahan, Kariniauskas, Darden 17, Quaglia, Travis 14, Jhonson 15, Lawal 16,

Sassari (Coach Pasquini)
Johnson-Odom 11; Lacey 6, Devecchi 5, D’Ercole, Sacchetti 4, Lydeka, Savanovic 13, Carter, Stipcevic 13, Olaseni 17, Ebeling, Monaldi




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi