La Reyer Venezia espugna ancora Avellino e centra la storica finale




La Reyer Venezia vola in finale dopo avere vinto ancora una volta in trasferta ad Avellino, aggiudicandosi la serie per 4-2.

In un finale al cardiopalma la Reyer Venezia supera ancora Avellino per 84-83 al PaladelMauro e conquista il diritto ad accedere alla finalissima per il titolo contro Trento. Una partita dall’andamento alterno che ha visto gli ospiti prima volare sul massimo vantaggio (+16 al 26′) e poi subire il ritorno dei padroni di casa che hanno rimesso il risultato in discussione nei secondi conclusivi.

Nonostante un David Logan in gran spolvero (10 punti nell’ultimo quarto) la Sidigas Avellino ha dovuto cedere per la quarta volta ai lagunari, rinunciando al sogno di giocare la finale scudetto. Ottima prestazione dall’arco per la Reyer Venezia che ha messo a segno 13 bombe su 27 tentativi. Peric (21 punti) e la coppia formata da Haynes e Batista (14 punti entrambi) hanno trascinato verso l’impresa la squadra di De Raffaele che si regala un’altra storica impresa dopo avere centrato anche le final four di Champions League.

reyer veneziaAlla squadra di coach Sacripanti non bastano i 20 punti di David Logan e i 18 del solito Ragland, ma le va riconosciuto l’onore delle armi dopo una stagione disputata su livelli altissimi. Meritati gli applausi del PalaDelmauro a fine gara che hanno mitigato la visibile delusione palesemente leggibile sul volto dei cestisti irpini. Tardivo il risveglio dei padroni di casa che hanno pagato le troppe palle perse nella fase centrale del match, contro una Reyer Venezia implacabile.

Nell’ultimo quarto i lagunari hanno rischiato di gettare alle ortiche un match già vinto. Sull’80-84 la bomba di Logan aveva riacceso un lumicino di speranza per i padroni di casa, ma a poco più di un secondo dalla fine i giochi erano ormai fatti. Trento e Venezia approdano per la prima volta in una finale scudetto che si preannuncia più equilibrata che mai.

Sidigas Scandone Avellino – Umana Reyer Venezia 83-84 (24-21; 43-52; 56-70)

Avellino: Zerini 4, Ragland 18, Green 2, Logan 20, Esposito n.e., Leunen 6, Cusin 2, Severini, Jones 10, Fesenko 10, Thomas 11, Parlato n.e. All. Stefano Sacripanti.

Venezia: Haynes 14, Ejim 10, Peric 21, Stone 6, Bramos , Tonut 12, Groppi n.e., Filloy 7, Ress, Batista 14, Viggiano n.e., McGee. All. Walter De Raffaele.
Arbitri: Saverio Lanzarini, Massimiliano Filippini e Manuel Mazzoni.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi