La Reyer Venezia espugna Trento in gara 3: Buscaglia paga l’assenza di Sutton




La Reyer Venezia è corsara al PalaTrento e si riprende il fattore campo nella sfida scudetto, portandosi sul 2-1 nella serie.

La Reyer Venezia si riprende il fattore campo, vincendo gara 3 al PalaTrento, sfoggiando una delle sue migliori prestazioni stagionali. Buscaglia paga a caro prezzo la pesante assenza di Sutton che ha reso ancora più corto un roster giù di per sé esiguo dal punto di vista delle alternative. Trento ha anche pagato dazio alle non perfette condizioni di Lechtaler e Shields, ma nonostante ciò ha provato a rimanere a galla fino a 5′ dal termine compensando con l’orgoglio ciò che è mancato sul piano tecnico.

Haynes trascina la squadra di De Raffaele al 15-20 con il quale si chiude il primo quarto. I lagunari si affidano alla mani di Ortner chiamato a sostituire Batista e infilano un parziale di 11-0 che fa subito capire ai tantissimi tifosi locali, che sarebbe stata una serata tutt’altro che semplice.

Trento prova a reagire e rimette in piedi la sfida allungando fino al +8 (30-22) nel secondo quarto. La Reyer Venezia, nel secondo quarto, perde troppi palloni e consente ai padroni di casa di volare fino al +10 (35-25). Una tripla di Filloy allo scadere consente ai lagunari di accorciare il distacco andando al riposo lungo sotto solo di 5 punti (38-33).

Nella ripresa scende in campo un’altra Venezia, più lucida in fase di possesso e granitica sotto i tabelloni, che concede poco o nulla agli avversari. La partita sale di intensità, dentro e fuori il parquet. Le forze dell’ordine devono sedare una rissa scoppiata tra alcuni facinorosi. Venezia chiude avanti di 6 punti il terzo quarto (48-54) regalando la sensazione di poter tenere in pugno il match fino alla fine. Trento perde anche Lechtaler che deve arrendersi agli acciacchi dopo uno scontro con Ortner.

Nell’ultimo quarto è Craft che prova a suonare la carica per i trentini, consentendo loro di poter rimettere la testa avanti nel punteggio. Ma col trascorrere dei minuti, la squadra di Buscaglia perde ritmo e intensità in preda ad un calo fisico evidente. Venezia conquista extra possessi a iosa e vola, prendendo il largo nel punteggio. E’ Stone l’uomo che realizza i punti decisivi che mettono il sigillo a gara 3. Finisce con i lagunari avanti per 61-70. Tra due giorni si torna in campo ancora al PalaTrento per gara 4 della finale scudetto.

Trento: Craft e Forray 14, Gomes 13.
Venezia:Haynes 14, Stone 13, Ortner 10.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi