Le “quattro W” trascinano l’Auxilium. Orlandina beffata dalla Lighthouse Trapani




auxilium quattro w

foto Marco Magosso (www.basketinside.com)

Prima uscita ufficiale per l’Auxilium Torino, che ha battuto a domicilio la Novipiù Casale (79-71) nella semifinale del torneo dedicato ai 60 anni della società di Casale Monferrato.

I segnali più positivi per la Manital provengono dalle “quattro W”: White, Wright, Washington e Wilson disputano un ottimo match e dimostrano di essere già ‘in palla’. Insieme a loro, va sottolineata anche la bella prova di Harvey, una vera e propria sentenza nel tiro da fuori.

Un buon test per coach Vitucci, anche se bisogna rendere merito all’ardore e allo spirito agonistico dei padroni di casa, che non hanno mai mollato un centimetro. Nel primo quarto, infatti, l’Auxilium ha faticato a trovare le giocate giuste: molto meglio dal 10′ in poi, in particolare dalla lunga distanza. Torino è riuscita man mano a far valere la prestanza fisica sotto canestro e una volta andata in doppia cifra il vantaggio per i locali è risultato praticamente incolmabile. Qualche patema nel finale per i ragazzi di Vitucci, con Casale che è riuscita a risalire fino al -5 (complice un prevedibile calo fisico della Manital): ottima la prestazione del sempreverde Brett Blizzard, che ha messo a segno 17 punti complessivi.

Torino vola dunque in finale, dove affronterà la Pallacanestro Varese, vittoriosa nella prima semifinale contro Brindisi 89-81.

ORLANDINA FATICA, TRAPANI LA BEFFA 

Meccanismi ancora da oliare per la Betaland Capo d’Orlando, che ha ceduto in casa 68-69 contro la Lighthouse Trapani nella seconda uscita stagionale in preparazione al prossimo campionato di Serie A Beko. Brutta partenza della formazione locale: la Lighthouse scappa via raggiungendo anche il +10. L’Orlandina riprende orgogliosamente le redini del match e recupera lo svantaggio a 5′ dal termine grazie ad una tripla di Berzins (che chiude con 21 punti, 5 falli e 24 di valutazione). Ma alla fine la spuntano i trapanesi 68-69.

“Onore e complimenti alla Pallacanestro Trapani che arrivata qui con idee chiare e ha fatto valere la brillantezza fisica – ha detto coach Fioretti al quotidiano online “Messinaora” – Su alcuni aspetti in attacco dobbiamo ancora lavorare e miglioreranno di certo in seguito, in difesa abbiamo concesso solo 69 punti a un’ottima compagine come quella trapanese e possiamo essere soddisfatti”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi