Milano cerca conferme in Eurolega: contro il Khimki serve vincere

eurolega milano khimki




Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Dopo il ko interno contro la Sidigas Avellino e il secondo, sempre al Forum, contro l’Efes (68-73) in Eurolega, i malumori all’interno dell’Olimpia Milano erano cominciati a diventare sempre più insistenti. Uno ‘scherzetto’ da parte della Grissin Bon avrebbe potuto scatenare delle frizioni pericolose a questo punto della stagione.

Invece l’Olimpia è riuscita a violare il PalaBigi, seppure faticando enormemente contro una Reggiana mai doma: 71-72 il risultato finale a favore dei biancorossi, che tornano a Milano con i due punti ma ancora con tutti i dubbi che hanno accompagnato questa prima parte di campionato. Decisivo il tiro libero di Jerrells, ma Reggio Emilia ha avuto per ben due volte il tiro del successo, fallito in entrambe le occasioni.

“Non possiamo rischiare di perdere in questo modo”: nel post-gara coach Pianigiani non ha usato giri di parole per esprimere il suo pensiero. “E’ questo l’aspetto più negativo, una squadra come la nostra non può permettersi di rischiare così tanto dopo aver comandato la gara – ha ribadito al quotidiano “Il Giorno” il coach dell’Olimpia – Tuttavia sono contento per la sostanza della gara, dell’attenzione difensiva e di come abbiamo spremuto tante cose da giocatori che non stavano bene ma hanno voluto esserci come Jerrells e Gudaitis”.

Ora ci si rituffa in Eurolega, dove anche quest’anno il cammino dell’EA7 è a dir poco balbettante. C’è bisogno di una svolta, e il prossimo match contro il Khimki, in programma giovedì al Forum, è praticamente decisivo per Milano, che vuole a tutti i costi un posto nei playoff. Al momento, però, il traguardo è davvero lontano, dato che l’Olimpia è relegata all’ultimo posto, in coabitazione con altre 4 squadre. Tuttavia, coach Pianigiani è convinto che basta poco per cambiare radicalmente le sorti del suo team: “Con due tiri in più avremmo totalizzato 4 vittorie di fila”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi