Milano, Cinciarini elogia Pianigiani: “Può far rinascere l’Olimpia”

cinciarini pianigiani olimpia




Tanti acquisti, tutti di livello. Un nuovo allenatore, che è chiamato a riportare l’Olimpia sul gradino più alto del podio, almeno in Italia. Un rinnovato entusiasmo, con i tifosi che si stanno pian piano riavvicinando dopo le grosse delusioni della scorsa stagione. Con la speranza di poter fare un cammino europeo finalmente all’altezza del blasone, diametralmente opposto a quello 2016/2017, terminato con il penultimo posto nel girone.

Milano ha cambiato pelle: il divorzio con Repesa non è stato indolore, visto che l’allenatore croato era comunque riuscito a riportare lo scudetto dalle parti del Forum. Ma ora c’è Simone Pianigiani, che di certo non ha bisogno di presentazioni. Sul quotidiano milanese “Il Giorno”, il capitano dell’EA7 Andrea Cinciarini ha raccontato come sta andando questa preparazione estiva, soffermandosi anche sulle difficoltà incontrate dall’Olimpia lo scorso anno.

“Il fallimento non è aver fallito l’assalto allo scudetto o aver fatto una brutta Eurolega, che erano i nostri obiettivi principali – spiega Cinciarini – Il fallimento vero è non aver nemmeno provato a raddrizzare la stagione. Non deve più succedere, non ricapiterà”. Cinciarini è convinto che il nuovo coach potrà portare organizzazione e mentalità. “Richiede durezza, cioè la capacità di resistere e fare squadra nei momenti negativi per evitare di portarsi dietro ruggini e polemiche – precisa il capitano dell’Olimpia – Lui e il suo staff possono creare il gruppo per fare la differenza”.

Intanto il mercato regala ogni giorno nuovi ‘colpi’ e cambi di casacca. Mentre due suoi ex giocatori si accasano alla The Flexx Pistoia – Mian e Gaspardo – la Vanoli Cremona non resta certo a guardare, e ufficializza l’accordo fino al 30 giugno 2019 con la 25enne ala di 202 cm per 104 kg Giulio Gazzotti.

Per Gazzotti – che riceverà la maglia numero 6 – è un ritorno a casa, dato che già nella stagione 2014/2015 aveva vestito la casacca della Vanoli, conquistando insieme alla società cremonese il primo storico accesso alle Final Eight di Coppa Italia.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi