Milano-Trento, Buscaglia: “Bravi, ma è ancora lunga”. Repesa non molla: “Possiamo ribaltare”




milano trento repesa buscaglia Due gare al Forum, due sconfitte. Entrambe senza attenuanti. Se quello che sta vivendo l’Olimpia Milano non è un incubo, poco ci manca. Nemmeno il più ottimista dei tifosi trentini poteva immaginare di ritrovarsi sul 2-0 al termine di gara 2, con la possibilità di chiudere i conti nei prossimi due impegni casalinghi al PalaTrento. Insomma, la truppa di Buscaglia può legittimamente sognare l’approdo in finale, mentre quella di Repesa deve ricompattarsi alla svelta se vuole provare a recuperare una serie che sembra già parecchio compromessa.

Il coach bosniaco, pur sottolineando tutti gli errori di queste prime due sfide, non ammette che si alzi bandiera bianca: per Repesa si può ancora ribaltare la serie. “Trento merita il 2-0 per quello che abbiamo visto. La situazione è difficile ma noi daremo tutto per ribaltare la situazione. Loro finora sono stati più duri, determinati, preparati. Ci hanno strappato 10 palloni dalle mani”.

Il coach dell’Olimpia non è rimasto sorpreso dai sonorissimi fischi piovuti addosso a lui e alla squadra dopo il secondo ko interno consecutivo: “Ormai lo sappiamo, basta un nulla per accendere il nervosismo, per contestare e discutere. Tutto nasce dalle eccessive aspettative in Eurolega e questa stagione europea deludente ha causato nervosismo ed energia negativa”. In gara 3 si cambia tattica: “Faremo zona dal primo minuto. Vediamo cosa succede. Io dico che possiamo ancora farcela”.

Dall’altra parte, coach Buscaglia ha ovviamente parole di elogio per i suoi uomini. “Abbiamo fatto meglio rispetto a gara 1 – ha detto il coach della Dolomiti – Tanti piccoli aggiustamenti e un modo corretto di far circolare la palla ci hanno aiutato, perché abbiamo sempre bisogno di trovare nuove soluzioni per andare a canestro, per contenere le palle perse, per mantenere la costanza difensiva”. Adesso Trento sogna la finale, ma Buscaglia vuole mantenere i piedi ben saldi a terra: “Pensiamo ad una gara per volta, senza farci condizionare dai risultati già acquisiti. Non dimentichiamoci che di fronte abbiamo una grandissima squadra”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi