Muore a soli 49 anni l’arbitro pesarese Gianluca Mattioli

mattioli arbitro




Una notizia che ha lasciato senza parole tutti gli appassionati di pallacanestro e più in generale tutto il mondo dello sport. Si è spento a soli 49 anni Gianluca Mattioli, uno degli arbitri italiani più famosi e apprezzati.

Il fischietto italiano si trovava a Murcia, dove martedì avrebbe dovuto dirigere il match di Champions League tra la squadra spagnola e il Monaco. Ma alla vigilia del match Mattioli ha accusato un forte malore, ed è stato necessario l’immediato ricovero in ospedale. Una volta giunto nel plesso ospedaliero della città spagnola, i medici hanno subito capito che le condizioni di Mattioli erano molto gravi. Nonostante ogni tentativo da parte dei sanitari, le condizioni dell’arbitro non sono migliorate, tanto che nelle ultime ore era giunta a Murcia anche la moglie di Mattioli insieme alla figlia, oltre al vice presidente vicario federale Gaetano Laguardia. Stando alle prime indiscrezioni, pare che Mattioli sia stato colpito da un misterioso virus, che lo ha ucciso nel giro di due giorni.

La notizia della scomparsa dell’arbitro italiano è giunta in serata. E’ stata poi la Federbasket a confermare la morte tramite una nota ufficiale. “Ci ha lasciati Gianluca Mattioli – ha scritto la FIP – La sua scomparsa improvvisa e inaspettata ha colto tutti di sorpresa. Ci stringiamo con grande affetto alla famiglia di Gianluca colpita dal tremendo lutto”.

Mattioli, 49 anni, di Pesaro, aveva alle spalle una lunga carriera anche a livello internazionale, e di recente aveva diretto anche la specialità del tre contro tre, una delle novità nel panorama degli sport olimpici. Mattioli aveva diretto partite da quando aveva 18 anni, nel 1985. Il 24 marzo del 2014, dirigendo Sutor Montegranaro-Armani Milano, aveva raggiunto le 600 partite arbitrare in serie A. In questa stagione aveva già diretto tre gare, toccando così quota 685 e avvicinandosi sempre più allo straordinario traguardo delle 700 partite arbitrate nella massima serie.

 

 

 




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi