Playoff A2, gara 3: vincono Agrigento e Bologna, Roseto riapre i giochi




rosetoferentinoAncora fattore campo rispettatissimo nella prima giornata di gara 3 degli ottavi di finale nei playoff A2. Agrigento e Fortitudo superano rispettivamente Mantova e Agropoli, mentre Roseto sconfigge Ferentino e riapre una serie che sembrava essersi messa male per gli squali abruzzesi.

In una Bologna ancora scossa dalla retrocessione della Virtus, la Fortitudo vuole provare a riscattare l’orgoglio del basket felsineo, tentando la scalata verso la promozione. Il rischio di stare a rimuginare troppo sul supplementare di gara 2 c’era, ma Bologna parte subito forte e detta legge contro un Agropoli stralunata e poco sostenuta, stavolta, da Terrence Roderick. Bologna si porta agevolmente sul +10, vantaggio che riuscirà a tenere fino alla fine del primo tempo.

La differenza – netta – tra le due formazioni è da ricercare nella precisione al tiro: molto bene la Fortitudo, male Agropoli (8/21 da 2). Nel terzo quarto la musica non cambia, anzi: Bologna infila una serie di triple che abbattono Agropoli, il divario diventa di 18 punti, i campani si smontano definitivamente e i padroni di casa completano il trionfo. Finisce 98-74 per Bologna, che domenica al Paladozza ha la possibilità concreta di chiudere i giochi e volare ai quarti.

Torna avanti anche Agrigento, che si porta sul 2-1 contro Mantova. I siciliani vincono 67-58, ma hanno dovuto faticare molto per avere ragione degli ospiti, coriacei e mai domi. Dopo un avvio di marca agrigentina, Mantova era riuscita a prendere in mano le operazioni e a condurre il match, portandosi addirittura a +12. Agrigento riesce a recuperare e a tenersi a galla grazie a Martin e Piazza, ma anche a Saccaggi, decisivo nei momenti caldi. Mantova, che paga a caro prezzo l’inconsistenza di Ferguson (soli 4 punti), subisce un pesante break di 11-2 a pochi minuti dalla fine e abbandona la possibilità di portarsi avanti nella serie. Chance che Agrigento non fallisce: se gli uomini di Ciani vincono anche domenica staccano il ‘ticket’ per i quarti di finale.

Il Palamaggetti rianima Roseto. Gli “Sharks” fanno l’allungo decisivo nel quarto parziale e si portano meritatamente sull’1-2. Molto è dovuto al 13/27 da fuori degli abruzzesi e da un Imbrò non ottimale. Al contrario, Weaver ne mette dentro 21 (più 7 rimbalzi) e Borra ne fa 11 nel momento decisivo. Nell’ultimo quarto, con Ferentino avanti di 2, Roseto infligge un sonoro 28-13 e va a conquistare il primo punto della serie (punteggio finale 89-76). Domenica gara 4 ancora a Roseto, con l’inerzia che ora sembra favorire gli abruzzesi.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi