Playoff, gara 1: Venezia doma Pistoia, Avellino schianta Reggio Emilia




venezia pistoia avellino La legge del più forte. Venezia e Avellino fanno il loro dovere e si aggiudicano la prima gara di questi quarti di finale. La Reyer ha dovuto faticare per ottenere il successo (84-71) contro una Pistoia mai doma, la Sidigas ha travolto Reggio Emilia grazie soprattutto alle splendide prestazioni di Fesenko e Logan.

Al PalaTaliercio è 1-0 Venezia, ma la The Flexx esce dal campo a testa alta. Il team allenato da Esposito ha dato filo da torcere agli uomini di De Raffaele, cedendo solo alla distanza alla maggiore qualità dei padroni di casa. De Raffaele ha potuto contare su uno straordinario Haynes (23 punti, 5/8 dall’arco) mentre a Pistoia non sono bastate le buone prove, seppure ad intermittenza, di Petteway (17 punti) e Crosariol (13 punti e 6 rimbalzi).

L’avvio di Pistoia è promettente, ma l’Umana trova subito le giocate giuste: la tripla di Bramos (che chiuderà con 14 punti) vale il +7 per i padroni di casa (21-14). Pistoia è squadra dal carattere di ferro: all’inizio del secondo quarto gli uomini di Esposito si portano avanti, ma ben presto la Reyer torna a condurre le operazioni. All’intervallo è 39-30 per Venezia.

Nella ripresa la Reyer vuole scappare, ma Pistoia le impedisce la fuga, pur senza mai riuscire ad avvicinarsi seriamente. Jenkins e Petteway sono gli ultimi ad arrendersi, ma gli ultimi canestri di Bramos e Filloy sigillano il successo veneziano: 1-0 per la Reyer.

Avellino strapazza Reggio Emilia in una gara dove praticamente non c’è stata mai storia. La Grissin Bon non è riuscita a trovare mai le contromisure adeguate, in particolare contro uno scatenato Fesenko (24 punti), rientrato dopo l’infortunio al collaterale. Al comando del match fin dal primo minuto, la Sidigas ha spento sul nascere ogni tentativo di rimonta di Reggio Emilia, sorretta da solo Wright. Avellino può sorridere due volte: dall’America è tornato anche Joe Ragland, volato negli USA per l’improvvisa scomparsa del fratello Shawn.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi