Playoff, gara 2 semifinale: Reggio non fa sconti, Avellino ancora ko




playoffNessuna distrazione, nessun regalo. Reggio Emilia sfrutta a pieno il fattore campo contro Avellino e si porta sul 2-0 nella semifinale playoff. La Grissin Bon si aggiudica anche gara 2 sconfiggendo gli irpini 86-78.

La forza dei padroni di casa è il gruppo. Non era facile affrontare questo match, sia per la bravura degli avversari ma soprattutto per l’assenza di Veremeenko. E invece Reggio sfodera una prova collettiva di altissimo livello, mandando 5 uomini in doppia cifra. Protagonisti assoluti dell’incontro Kaukenas, Polonara e Stefano Gentile, che infila punti pesanti nei momenti clou. Avellino lotta con grande ardore – ottimi Buva e Cervi – ma non basta per evitare la sconfitta.

I padroni di casa si presentano senza Veremeenko e con Polonara e Silins nel quintetto di partenza. Avellino risponde con il lunghissimo Cervi (2 metri e 14 cm) che trascina letteralmente gli ospiti nel primo quarto: 22-21 per i ragazzi di coach Sacripanti.

Anche nel secondo quarto Avellino tiene benissimo il campo, ma Reggio comincia a crescere e minuto dopo minuto costruisce la rimonta e il sorpasso, firmato Golubovic (dalla lunetta). Poi un ottimo Gentile piazzerà i canestri che consentiranno a Reggio Emilia di allungare (41-34). Ma Avellino non molla un centimetro: Buva fa 4 punti e l’assist per Acker, al riposo si va con gli ospiti sotto di un solo punto (41-40).

Il terzo quarto è un continuo botta e risposta: Reggio prova a scappare, Avellino in qualche modo riesce a restare aggrappata al match. Ma i padroni di casa possono contare su Gentile e Della Valle formato “top”: due triple in serie e 66-58 per Reggio al 30′.

Nell’ultima frazione il leit-motiv della partita si mantiene praticamente lo stesso. La Grissin Bon si sforza di realizzare l’allungo vincente (71-62 al 32′), ma Avellino non vuole proprio saperne e torna a poca distanza (-5 al 33′).

Ancora Polonara e poi Lavrinovic sembrano chiudere i giochi portando Reggio sul +12, ma gli irpini provano ancora a restare in partita. A due minuti dal termine il divario è di 7 punti: ci pensa Kaukenas a tagliare definitivamente le gambe agli uomini di Sacripanti, con una bomba da fuori sulla sirena dei 24” (convalidato all’instant replay) che regala il +10 ai padroni di casa e fa impazzire il PalaBigi. Da quel momento in poi per Reggio basterà solo controllare: finisce 86-78, la Grissin Bon è avanti 2-0 nella serie. Gara 3 domenica sera ad Avellino, e poi il quarto atto martedì, con la Sidigas chiaramente obbligata a vincere per mantenere vive le speranze di qualificazione alla finale scudetto.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi