Reale Mutua Cup, Torino ko: vince Sassari (88-72), incasso devoluto ai terremotati




torino sassari reale mutua cupLa Reale Mutua Cup è stata un vero successo. A spuntarla è stata la Dinamo Sassari, che conferma quanto di buono fatto vedere in questo precampionato e legittima le sue chiare ambizioni di lotta al vertice. Ma l’Auxilium Torino, che per l’occasione ha sfoggiato il nuovo sponsor Fiat, non ha affatto demeritato. La gara è terminata 72-88 per i sassaresi, bravi a ribaltare l’esito della prima frazione che vedeva i padroni di casa avanti 47-33.

Un successo, dicevamo. Sì perchè a Torino c’è davvero tanta voglia di tornare a respirare aria di basket di livello. E soprattutto di avere un team competitivo. La risposta del PalaRuffini sta tutta nei numeri: 3345 gli spettatori presenti, e per un’amichevole prestagionale non è roba da poco. Anche perchè l’intero incasso, 19.761 euro, è stato devoluto alle popolazioni colpite dal terremoto che ha devastato quella parte di centro Italia compresa tra i comuni di Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto.

Alla presentazione (bellissima) in stile NBA è seguita una sfida vera, senza esclusione di colpi. Con l’Auxilium Torino che nei primi due quarti è piaciuta molto di più: Harvey e Washington accendono la luce, Sassari non trova le contromisure e va all’intervallo sotto di 14 lunghezze.

Ma al rientro sul parquet la forza della Dinamo si manifesta improvvisamente, e per Torino sono dolori: subito break di 0-13 per gli ospiti, che dominano poi l’intero terzo quarto (7-33). Negli ultimi 10′ la FIAT si ricompone, ma ormai è troppo tardi: la Dinamo mette in ghiaccio il risultato e chiude il match con 16 punti di distacco.

Tra le fila dei sassaresi va sottolineata l’immensa prova di Odom Johnson: 27 punti, 15 dei quali in uno straordinario terzo quarto. Anche coach Vitucci può trarre buone indicazioni da molti dei suoi uomini: su tutti Poeta (15 punti), DJ White (14 punti e 6 rimbalzi) e Harvey. Ma c’è da migliorare sul piano caratteriale, evitando quei vistosi cali di concentrazione visti in questo test match.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi