Serie A, playoff: Milano sul 2-0, Cremona batte Venezia




playoffCremona pareggia, Milano allunga. Gara 2 dei quarti di finale dei playoff scudetto permette alla Vanoli di riagguantare Venezia (1-1), mentre l’Olimpia batte ancora Trento dopo un inizio shock.

Tra Cremona e Venezia la sfida sembra particolarmente equilibrata, e di certo il prossimo match al PalaRadi saprà dirci qualcosa in più. Milano è sul 2-0 e vede le semifinali, ma coach Repesa non è affatto soddisfatto della prestazione complessiva dei suoi ragazzi.

Serve la seconda gara in casa alla Vanoli per conquistare il primo punto di questi playoff. Primo tempo tutto di marca veneziana: la Reyer si affida a Tonut e alle triple di Bramos e Ress per portarsi sul 17-24 al termine della prima frazione.

Nel secondo quarto le realizzazioni sono davvero poche e a farla da padrone è l’imprecisione. Venezia controlla e mantiene un vantaggio di 6 punti (29-35), anche grazie alla tripla finale di Ejim. Nella ripresa Cremona entra in campo con un atteggiamento completamente diverso e un Turner formato gigante: la Vanoli va sul +5 e Venezia chiama timeout. A 2′ dalla sirena del terzo Cremona è addirittura +7, ma la Reyer resiste e finisce il quarto con soli 2 punti di ritardo.

Si arriva così all’ultimo quarto, dove la Reyer riesce a pareggiare ma torna sotto poco dopo a causa dei centri di McGee e Turner. E’ proprio McGee che consente lo scatto decisivo alla Vanoli: finisce 77-67, gara 3 a Venezia tra due giorni.

Milano prima sbanda, poi trionfa. Ma quanta fatica per regolare un’indomita Trento: nei primi 5′ gli ospiti infliggono un parziale shock di 0-15, ci pensa Gentile a riportare in partita i padroni di casa. Il primo quarto si chiude 13-21, e Milano può accontentarsi di chiuderlo con un divario di sole 8 lunghezze dopo l’avvio da incubo.

Nel secondo quarto Milano intavola il sorpasso, grazie a Batista, e va all’intervallo avanti di un punto (38-37). Nel terzo quarto è dominio Olimpia: i locali inanellano una serie di triple e volano fino a +13. Trento non riesce più a trovare la fluidità di manovra del primo tempo. Nell’ultima frazione l’instancabile Simon prende ancora per mano l’Olimpia: massimo vantaggio (+14) e distacco comunque considerevole a un minuto dal termine (+10). Qui Milano si addormenta e per poco a Trento non riesce una clamorosa rimonta: Pascolo firma il -3 a 28” dal termine, ma Milano la chiude di nuovo con Simon e McLean. Olimpia sul 2-0, ma Repesa avverte: “Se giochiamo così a Trento non vinciamo”. Le canotte biancorosse sono avvisate: il loro coach non ammette distrazioni.

Roberto Naccarella 




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi