Varese, esonerato coach Moretti. Il dg Coldebella: “Scelta difficile, ma necessaria”




varese moretti Paolo Moretti non è più l’allenatore della Pallacanestro Varese. E’ stata la stessa società lombarda a comunicare l’esonero del coach in una nota diffusa alla stampa. “Il club biancorosso – si legge nel comunicato – nel ringraziare Paolo Moretti, per il lavoro svolto alla guida della Pallacanestro Varese, gli augura le migliori fortune per il prosieguo della carriera”.

In classifica, la Openjobmetis naviga in brutte acque: penultimo posto con soli 8 punti in classifica, frutto di 4 vittorie su 12 gare. Un cammino davvero insoddisfacente per la società biancorossa, che si trova invischiata nella lotta per non retrocedere. Vero che la Vanoli Cremona è ancora a distanza di sicurezza (4 punti) ma chiaramente le ambizioni della Openjobmetis, specialmente all’inizio del torneo, erano ben altre.

Tuttavia, l’esonero di Moretti viene definita “una scelta difficile” da parte del sodalizio lombardo. “Sono estremamente dispiaciuto nel salutare Paolo, un allenatore e una persona che stimo molto, che tanto ha fatto per Varese – ha commentato Claudio Coldebella, direttore generale della Openjobmetis – È stata una scelta difficile, presa però per il bene della squadra con la speranza che questo cambiamento possa risollevare le sorti della stagione”.

EUROPEO UNDER 18, L’ITALIA BATTE LA GERMANIA E CONQUISTA IL BRONZO

Chiude con una medaglia l’Italia under 18, che batte la Germania nella “finalina” e si classifica terza negli Europei di categoria. Gli azzurrini, sapientemente guidati da coach Capobianco, hanno sconfitto i pari età tedeschi 74-68, guadagnando così la medaglia di bronzo che mancava da Belgrado 2005.

“Non si può neanche descrivere la felicità che stiamo provando in questo momento, è un bronzo meritatissimo – le parole di Capobianco – Questo risultato va condiviso con tutti coloro che lavorano quotidianamente per la crescita dei nostri giovani: allenatori, società e Federazione. Va condiviso anche con i ragazzi di questa annata che hanno contribuito alla crescita della squadra e che oggi non erano qui in Turchia e con tutti coloro che amano la maglia azzurra”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi