Virtus Bologna, finalmente Slaughter: “Vogliamo fare grandi cose”

slaughter virtus bologna




Ha dovuto attendere ben otto anni, ma alla fine Marcus Slaughter è riuscito a diventare a tutti gli effetti un giocatore della Virtus Bologna. Sì, perchè il nuovo giocatore delle V nere era approdato in terra felsinea già nel 2009, prima di firmare per il Nancy. Allora, però, fu solo un avvicinamento, che si risolse in nulla di concreto.

Stavolta l’avventura di Slaughter a Bologna è realtà. Il nuovo centro della Segafredo si è presentato con tutta la sua carica ai suoi nuovi tifosi. “So che la Virtus ha vinto il campionato di A2 lo scorso anno e ora è tornata nella massima serie — afferma Slaughter sul “Corriere di Bologna” — Io amo le nuove sfide e questa lo è: nuovo Paese, nuova squadra che è appena tornata in A e vuole fare grandi cose. Mi piace iniziare questo nuovo viaggio insieme ed essere parte di questa storia”.

E sulle ambizioni della Virtus, che nonostante il grado di neopromossa ha già messo a segno diversi colpi importanti (Aradori e Gentile su tutti), nemmeno Slaughter si nasconde: “Siamo qui per vincere partite poi vedremo cosa succederà – dice il centro – Certamente a tutti piacerebbe conquistare la possibilità di giocare le coppe il prossimo anno”.

Slaughter è arrivato da poco e si trova in leggero ritardo di condizione rispetto ai suoi nuovi compagni di squadra. Tuttavia, coach Ramagli potrebbe regalargli qualche minuto nell’amichevole di domenica contro Ferrara. Lo statunitense è sereno: “In questo momento la cosa principale è imparare i giochi della squadra”.

SASSARI, LA DINAMO SI PRESENTA AI MEDIA

E’ partita ufficialmente la stagione della Dinamo Sassari, che ieri ha avuto il suo primo incontro con la stampa. Accoglienza calorosa per i nuovi arrivati, che sono in tutto nove: si tratta di Levi Randolph, William Hatcher, Achille Polonara, Jonathan Tavernari, Marco Spissu, Andrea Picarelli, Shawn Jones, Scott Bamforth ed Erazem Lorbek. “C’è grande entusiasmo – ha detto coach Pasquini – L’obiettivo prioritario è accelerare il processo di creazione del gruppo”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi