30 teams in 30 days: Clippers, Thunder e Raptors sognano le Finals (e non solo…)




clippers thunder raptorsShaun Powell di NBA.com sta curando un’interessante rubrica, dal titolo “30 teams in 30 days” (30 squadre in 30 giorni), dove vengono analizzati mercato, roster, condizione e ambizioni delle franchigie NBA. Un team per ogni giorno del mese: Powell ha cominciato lo scorso 1 settembre con la squadra che ha realizzato il peggior record nella regular season 2015-16, ovvero i Philadelphia 76ers, per poi proseguire ‘in crescendo’. Il 30 settembre, infatti, non troverete i Cleveland Cavaliers (per i Cavs appuntamento al 28 settembre, ndr), ma i Golden State Warriors, che hanno totalizzato il miglior record nella regular season. Anche se poi la finalissima playoff è andata come sappiamo tutti…

25, 26 e 27 settembre: diamo uno sguardo ai Clippers, ai Thunder e ai Raptors

LOS ANGELES CLIPPERS 

Da quando è arrivato Steve Ballmer i Clippers sono diventati una squadra da più di 50 vittorie in NBA. Ma anche l’anno scorso l’obiettivo delle finali della Western Conference è saltato. Per quanto tempo ancora il nuovo proprietario accetterà di spendere fior di quattrini senza ottenere risultati concreti? Sta a coach Rivers elevare il potenziale già notevole dei Clippers: Griffin, Paul e DeAndre Jordan sono un’ottima base dal quale partire, senza dimenticare l’apporto di atleti come Wes Johnson e Paul Pierce (che ha annunciato il ritiro a fine stagione, ndr). Doc Rivers, intelligentemente, ha mantenuto quel nucleo costruito dall’ex GM Neil Olshey, evitando di smantellarlo ma piuttosto migliorandolo in alcuni aspetti, con l’aggiunta di Speights dai Warriors e di un play “furbo” come Felton. Insomma, ci si aspetta senza dubbio i playoff, ma anche una post-season decisamente più interessante.

OKLAHOMA THUNDER

Avere Durant e Westbrook e non riuscire a vincere l’anello. In molti si staranno chiedendo quando potrà ricapitare: il trasferimento estivo di KD ai Warriors è stata una delle notizie shock di questa estate (non solo in NBA), suscitando una marea di polemiche. Ma parliamoci chiaro: se esiste il “free agent” è proprio per permettere a chiunque di andare dove vuole. Durant ha scelto i Warriors perchè li vede “migliori” rispetto a Oklahoma, e probabilmente ha ragione. Tuttavia, KD ha dato tutto in questi 8 anni con i Thunder, e l’ingratitudine nei suoi confronti è forse un tantinello esagerata. La vita continua. Oklahoma ha regalato un nuovo partner d’attacco a Westbrook: dai Magic è arrivato Victor Oladipo. L’ingaggio di Domantas Sabonis è un altro movimento interessante: il 20enne, figlio d’arte, potrebbe rivelarsi complementare a Enes Kanter e Steven Adams. Certo, nulla garantisce che Westbrook non decida di fare presto le valigie: per ora è l’uomo di punta dei Thunder, e da “leader” deve condurre Oklahoma al vertice. Ci riuscirà?

TORONTO RAPTORS 

Il fatto che Toronto sia in una fase di fortissima crescita lo dimostrano non solo i risultati delle ultime stagioni (con la finale a Est l’anno scorso…), ma anche il fatto che un giocatore come DeMar DeRozan abbia deciso di rifirmare il contratto praticamente in dieci secondi, senza nemmeno guardarsi intorno. Certo, i Raptors avrebbero fatto comunque di tutto per tenerlo, così come hanno provato a mantenere Biyombo (non con la stessa verve…), volato a Orlando. I Raptors contano sul classico grande apporto di Kyle Lowry e su una delle stelle dell’ultimo Draft, Jakob Poeltl, che può essere utilizzato in diverse posizioni offensive. Toronto ha cambiato poco, insomma, e ha fatto bene: il gruppo è solido e competitivo anche senza Biyombo, ed è probabilmente l’avversario più temibile per i Cavs nella Eastern Conference.

Puntate precedenti: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi