Brown ‘autografa’ la Grande Muraglia: bufera sul play dei Rockets




bobby brown muraglia cineseIl tour cinese degli Houston Rockets stava procedendo a gonfie vele. Nessuno poteva immaginare un tale imprevisto, che va inevitabilmente a turbare la tranquillità del team a pochi giorni dall’inizio ufficiale della National Basketball Association (NBA).

Il play della franchigia del Texas ha pensato ‘bene’ di lasciare il proprio autografo con un gessetto sulla Grande Muraglia cinese, in occasione della visita della squadra al magnifico monumento, famoso in tutto il mondo.

Probabilmente su di giri dopo la vittoria dei Rockets sui New Orleans Pelicans, Brown ha utilizzato un gessetto per incidere le proprie iniziali sulla Grande Muraglia. Non contento, ha anche fotografato l’impresa appena realizzata, pubblicando l’immagine su Weibo, la versione cinese di Twitter.

In un attimo milioni di utenti hanno potuto visualizzare la bravata compiuta da Brown, e nel giro di pochi minuti il play di Houston è stato subissato dalle critiche e da commenti dei naviganti indignati. “Sei contento? Quello fa parte del patrimonio dell’umanità, non è il cesso di casa tua”, l’attacco di uno degli utenti.

Brown, compresa la stupidata fatta, ha cercato di rimediare, affermando di aver giocato in Cina per tre anni e di rispettare tantissimo la cultura cinese. “Ci stavamo godendo la visita, io non ero mai stato lì. Ho scritto il mio nome con il gesso, avevo visto altre scritte. Ho commesso un errore, avrei potuto cancellarlo con la mia mano. Non succederà più”.

Scuse che però potrebbero non bastare ad evitargli l’inchiesta ufficiale dell’Ufficio del Turismo della municipalità di Pechino, che potrebbe comminare una sanzione pecuniaria al play dei Rockets.

KYRGIOS ‘PREFERISCE’ L’ALL STAR GAME, L’ATP 500 DI ROTTERDAM SOSPENDE IL CONTRATTO

Ha scelto di partecipare all’All Star Game NBA, che si disputerà proprio il giorno della finale del torneo di Rotterdam (il 19 febbraio, ndr). Per questo motivo l’ATP 500 ha deciso di sospendere il contratto che lo legava al tennista australiano Nick Kyrgios: “Vogliamo vedere un top player in campo, e invece Kyrgios preferisce badare ai suoi hobby invece che alla sua professione”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi