Ciclone Thompson, Golden State passa a Phoenix (100-117). Toronto ok, Utah ai playoff

golden state thompson




La gara di ieri sera a Phoenix (100-117) serviva solo per le statistiche, ma Golden State aveva bisogno di ritrovare alcune certezze, minate dalle prestazioni tutt’altro che positive offerte nelle ultime uscite. Le cinque sconfitte in otto gare hanno fatto piuttosto male alla truppa di coach Kerr, che ieri sera è tornata a far vedere ciò di cui è capace. In attesa di recuperare per i playoff una pedina fondamentale come Steph Curry, ancora ai box.

I Suns non hanno potuto opporre troppa resistenza ai gialloblu di Oakland, anche perchè coach Triano doveva fare a meno di Josh Jackson e non aveva molte cartucce da sparare. Buona la prova di Daniel House (22 punti), così come quella a rimbalzo di Bender (14), ma dall’altra parte c’era un autentico ciclone che risponde al nome di Klay Thompson: 34 punti per lo “Splash Brother”, di cui 22 solo nel primo quarto.

Durant (17 punti e 9 assist) e Green fanno il resto, e Golden State vola anche sul +19 alla fine del terzo quarto. Nell’ultimo periodo, i padroni di casa provano a mettere pressione ai Warriors, risalendo fino al -10; il time-out di Kerr fa bene ai campioni in carica, che rientrano sul parquet e piazzano un break di 14-0 che di fatto chiude ogni discorso.

La certezza del primo posto a Est non ferma Toronto, che batte anche Orlando all’Air Canada Centre (112-101). Coach Casey fa riposare DeRozan e Valanciunas, ma la sostanza non cambia: Miles infila 22 punti, buona anche la performance di Anunoby (21).

Grazie ad un’altra prestazione sublime di Donovan Mitchell (28 punti), gli Utah Jazz passano allo Staples Center contro i Los Angeles Lakers (97-112) e conquistano la matematica certezza dei playoff. Ai losangelini non bastano i 25 punti di Hart.

Il risultato più sorprendente è quello che giunge dal TD Garden, con gli Atlanta Hawks che si prendono la soddisfazione di battere i Boston Celtics. Gli ospiti si impongono 106-112 con un super Taurean Prince (33 punti). Vince anche Philadelphia, che batte Dallas (109-97, 15 punti di Belinelli) e conserva il terzo posto a Est.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi