Cleveland, e sono 13! Ma Boston risponde: Dallas ko (97-90). Durant fa volare i Warriors

cleveland boston durant warriors




Cleveland non si ferma più. Alla Quicken Loans Arena i Cavaliers regolano anche i Sacramento Kings (101-95) e conquistano così il tredicesimo successo consecutivo. Ancora una volta il grande protagonista è LeBron James, capace di trascinare i Cavs con una “quasi tripla doppia”: 32 punti (con 12/18 dal campo), 11 rimbalzi e 9 assist. Prestazione davvero scintillante di LBJ, ben supportato nel finale da Kevin Love (18 punti).

Sacramento non recita mai la parte della vittima sacrificale. Anzi, dopo un primo tempo di “studio”, i Kings passano a condurre le operazioni anche con una certa autorevolezza. La difesa di coach Lue va in difficoltà contro Randolph (18 punti e 6 assist) e Hield (17), e nel secondo quarto gli ospiti si portano sul +9. Il pubblico della QLA trema quando, al rientro sul parquet per il secondo tempo, il divario aumenta: i Kings si portano sul +14 e sembrano in grado di interrompere clamorosamente la lunghissima striscia di vittorie dei padroni di casa.

Ma è solo un’illusione. LeBron James sale in cattedra, Love e JR Smith gli danno man forte: ad una quindicina di secondi dalla sirena è proprio LBJ ad infilare il canestro del +5 che spegne definitivamente i sogni degli uomini di coach Joerger.

Alla ‘tredicesima’ dei Cavaliers risponde prontamente Boston, che batte Dallas al TD Garden (97-90) e tiene a debita distanza LeBron e soci. I numeri dei Celtics sono impressionanti: 22esimo successo su 26 gare disputate, sesta vittoria nelle ultime 8, uno score di otto vittorie su otto confronti con le squadre della Western Conference. Dallas si arrende dopo essere stata avanti anche di 12 lunghezze: nella ripresa le triple di Tatum e Horford aiutano coach Stevens, prima del fondamentale contributo di Rozier e Larkin e i colpi decisivi del solito Kyrie Irving.

Golden State scende in campo a Charlotte senza Curry e Green, ma basta Kevin Durant per superare nettamente gli Hornets (87-101): l’ex OKC realizza una splendida tripla doppia (35 punti, 11 rimbalzi e 10 assist) e spinge i Warriors verso il ventesimo successo stagionale.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi