Embiid-Saric, Phila asfalta Brooklyn (133-114). Houston batte Memphis

embiid saric phila brooklyn




Alla notizia del rinnovo del contratto per Joel Embiid – 148 milioni per i prossimi 5 anni – non tutti hanno reagito bene. Per molti addetti ai lavori, i 76ers avrebbero dovuto rifletterci meglio prima di investire una tale cifra in un giocatore che fino ad ora ha giocato solo 31 gare di NBA in 2 anni, tormentato da continui problemi fisici.

Philadelphia, però, non è guidata da sprovveduti. Nel contratto, infatti, i Sixers hanno inserito una serie di clausole riguardanti le partite giocate dal camerunense. Un modo per cautelarsi, ma anche un segnale forte: noi in Embiid ci crediamo di brutto.

E quale migliore risposta se non il parquet? In soli 15 minuti, Joel ha mostrato al mondo che la scelta di Philadelphia non è affatto campata in aria: 22 punti, 7 rimbalzi e 3 assist, e tanti saluti a chi ha storto il naso di fronte al rinnovo. I Sixers hanno asfaltato i Brooklyn Nets, che pure venivano da una confortante vittoria nel derby newyorkese e dal successo contro Miami, con il punteggio di 133-114. Sugli scudi Dario Saric: la retroguardia dei Nets è andata nel pallone di fronte alle prodezze del croato, che ha chiuso con 26 punti e 9 rimbalzi. E questo qui sarebbe il sesto uomo? D’altronde, era da tempo che coach Brown sognava di avere problemi d’abbondanza (ieri mancava Markelle Fultz…): il “Process” di Phila si arricchisce di un altro mattoncino.

Polveri bagnate per Chris Paul e James Harden, ma i Rockets riescono comunque ad avere ragione dei Memphis Grizzlies (89-101) grazie ad un’ottima organizzazione difensiva che farà certamente felice coach D’Antoni. Portland supera Phoenix 113-104, mentre Boston batte 108-100 gli Charlotte Hornets con 16 punti di Kyrie Irving.

Prima sconfitta in questa preseason per i Washington Wizards. I capitolini vanno ko contro i Miami Heat: il punteggio finale è di 117-115 a favore della franchigia della Florida (15 punti di Adebayo). Per Washington da segnalare i 20 punti di Smith.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi