Houston cade ancora, Golden State ne approfitta: il miglior record è dei Warriors

houston clippers




Non tutte le ciambelle riescono con il buco. In questo caso, non basta che James Harden faccia una valanga di punti per consentire a Houston di vincere. Stavolta non è andata così: il “Barba” ha messo nuovamente a referto 51 punti (e 8 assist, ndr) ma i Rockets hanno dovuto alzare bandiera bianca contro i redivivi Clippers, che si sono presi la grande soddisfazione di espugnare il Toyota Center (118-128).

Harden è il primo a superare quota 50 punti per due partite consecutive dal 2007: l’ultima volta era riuscito nell’impresa un certo Kobe Bryant. Ma la prestazione stellare del suo top player non è servita a Houston per evitare il ko, il secondo di fila. I Clips tornano in California con un successo importante per il morale, grazie soprattutto alla performance gigantesca di Austin Rivers: 36 punti, 7 assist e miglior prestazione in carriera, per la gioia di papà Doc in panchina.

E dire che nel primo tempo la gara sembrava prendere nettamente un’altra piega. I Clippers, privi anche di Gallinari, non riuscivano a fronteggiare gli spumeggianti Rockets, che andavano all’intervallo avanti di 15 punti. Ma nella ripresa, vuoi anche per le assenze di Paul e Capela, il copione cambia totalmente: Rivers e Williams (32 punti) mandano nel pallone la retroguardia texana, e i losangelini volano sul +12 a poco più di un minuto dalla sirena. Houston perde la testa: prima il tecnico a D’Antoni, poi l’espulsione di Harden confermano la brutta serata per i padroni di casa.

Houston cade ancora e Golden State ne approfitta subito. I Warriors regolano i Lakers (113-106) e scavalcano i Rockets in cima alla Western Conference: ora sono i campioni in carica ad avere il miglior record NBA. Undicesima vittoria di fila per la truppa di coach Kerr, che ha dovuto faticare non poco per avere ragione dei gialloviola di coach Walton. A fare la differenza per i padroni di casa il solito Kevin Durant: 33 punti per l’ex OKC, impreziositi da 7 assist e da giocate sempre decisive.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi